Gas, alleanza sul biometano tra Italia e Grecia con i fondi Ue per la transizione verde

Il gasdotto di Komotini tra Grecia e Bulgaria (8 luglio 2022)
Il gasdotto di Komotini tra Grecia e Bulgaria (8 luglio 2022) Diritti d'autore Dimtiris Papamitsos/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Italgas lancia partnership in Grecia per la produzione e la distribuzione di biometano. L'iniziativa si poggia sui fondi e i programmi dell'Unione Europea per la transizione energetica e la lotta al cambiamento climatico

PUBBLICITÀ

Italgas e la compagnia greca Depa investiranno 900 milioni di euro per l'espansione e la digitalizzazione della rete di distribuzione energetica in Grecia, grazie a finanziamenti dell'Unione Europea.

La partnership con Italgas (in una nuova società di nome Enaon) aiuterà la Grecia a sviluppare la produzione di biometano, un combustibile che l'Ue sostiene come alternativa alle fonti fossili proponendo una produzione di 35 miliardi di metri cubi all'anno entro il 2030.

La Ue punta a 35 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030

"Abbiamo bisogno anche di gas pulito. Abbiamo un'enorme infrastruttura per il gas in Europa e dobbiamo usarla in futuro, insieme all'energia elettrica, in modo da avere un sistema energetico molto più efficiente", ha dichiarato il ministro greco dell'Energia e dell'Ambiente, Theodoros Skylakakis.  

"È molto importante per noi essere partner di grandi aziende italiane", ha detto Skylakakis.

Cos'è il biometano e come si produce: pro e contro per l'ambiente

"Abbiamo iniziato a trasferire in Grecia ciò che abbiamo raggiunto in termini di competenze" ha commentato Paolo Gallo, amministratore delegato di Italgas, che ha cominciato a sostituire il gas naturale con il biometano nella rete italiana. 

"Per essere competitivi con gli altri mercati, bisogna essere innovativi. Se non si è innovativi, prima o poi si perde la competizione" ha detto Gallo.

ll biometano può essere prodotto da rifiuti organici come il letame, gli scarti alimentari o agro-industriali o le colture danneggiate

Associazioni ambientaliste hanno criticato la spinta europea sul biometano, in quanto richiederebbe grossi volumi di materie prime e rischierebbe di produrre ancora più gas serra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ue, crolla la produzione di energia elettrica da fossili e crescono le rinnovabili

Ambientalisti contro Cop28 e aziende gas e petrolio: "Causano migliaia di morti"

Sarajevo è la città più inquinata al mondo, a Roma e Milano dati preoccupanti