Vaticano, due ex suore raccontano i presunti abusi subiti da Marko Rupnik

Branciani e Kovac
Branciani e Kovac Diritti d'autore AP Photo/Alessandra Tarantino
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'artista-sacerdote Rupnik è accusato di aver abusato sessualmente di una ventina di persone durante la sua attività nella comunità slovena Loyola. Due suore hanno raccontato in conferenza stampa le violenze a cui sarebbero state sottoposte

PUBBLICITÀ

Due ex suore, Gloria Branciani e Mirjam Kovac, hanno chiesto a Papa Francesco di avviare un'indagine indipendente nei confronti del reverendo Marko Rupnik, artista-sacerdote gesuita, accusandolo di averle sottoposte ripetutamente ad abusi sessuali e psicologici negli anni Novanta nella comunità slovena Loyola. Dopo anni di denunce da parte di altre suore, il dipartimento dottrinale del Vaticano ha raccolto le informazioni e sta valutando come procedere.

Il racconto di due suore contro Rupnik

Branciani, 59 anni, è uscita allo scoperto mercoledì per chiedere trasparenza al Vaticano e un resoconto completo dei gerarchi che lo hanno coperto per trenta anni. Durante una conferenza stampa in Vaticano con uno dei più importanti avvocati accreditati dal Vaticano a Roma, Laura Sgro, ha raccontato la sua storia in pubblico per la prima volta.

Branciani ha descritto in dettaglio gli abusi del reverendo Marko Rupnik, compresa la sua passione per il sesso a tre "a immagine della Trinità" che, se confermata, costituirebbe una grave perversione della dottrina cattolica tanto da essere considerata un falso misticismo.

Papa Francesco tenuto all'oscuro

Branciani, che ha denunciato Rupnik per la prima volta nel 1993 e poi ha lasciato la comunità slovena di Rupnik, ha chiesto che la storia dello scandalo Rupnik e dell'insabbiamento venga resa pubblica. Ha detto di credere che il Papa fosse ancora all'oscuro dei dettagli.

"Rupnik è sempre stato protetto da tutti, e tutto ciò di cui lo si poteva accusare veniva minimizzato o negato", ha detto. "Speriamo che la nostra testimonianza - e per questo ci stiamo esponendo in questo modo, perché ci sentiamo protetti e sostenuti - stimoli una maggiore trasparenza e una presa di coscienza da parte di tutti, e forse anche del Papa che non era davvero a conoscenza dei fatti accaduti".

Kovac: "Dal Vaticano un muro di gomma"

"Le istituzioni, invece di prendere spunto dalla nostra esperienza per rivedere il proprio modo di agire, continuano a chiudersi nel silenzio, in un silenzio che noi percepiamo come un muro di gomma che rimbalza ogni tentativo di curare questa situazione malsana", ha detto Kovac durante la conferenza.

Chi è il sacerdote artista Marko Rupnik

Famoso per i mosaici che decorano chiese e basiliche in tutto il mondo, tra cui il santuario cattolico di Lourdes, in Francia, la prossima cattedrale di Aparecida, in Brasile, e la cappella Redemptoris Mater del Palazzo Apostolico, Marko Rupnik lo scorso anno è stato cacciato dall'ordine dei gesuiti dopo che si era rifiutato di rispondere alle accuse di abusi spirituali, psicologici e sessuali da parte di una ventina di donne, la maggior parte delle quali, come Branciani, erano membri della comunità religiosa di ispirazione gesuita da lui co-fondata nella natia Slovenia, che da allora è stata soppressa.

Lo scandalo Rupnik ha occupato le prime pagine dei giornali per più di un anno per le speculazioni sul fatto che egli abbia ricevuto un trattamento preferenziale a causa del suo rilievo come artista e predicatore gesuita di fama mondiale da parte di un Vaticano dominato dai gesuiti. Non solo Papa Francesco, appartiene all'ordine anche il capo dell'ufficio vaticano responsabile dei crimini sessuali e sacramentali.

Caso Rupnik riaperto da Papa Francesco

Sotto pressione per il crescere dello scandalo, in ottobre il pontefice ha deciso di riaprire il caso e Branciani dovrà presto testimoniare davanti al Dicastero per la Dottrina della Fede. L'avvocata Sgro ha detto di non sapere quali siano le possibili linee di indagine, poiché i procedimenti del Dicastero sono segreti anche per le vittime e i loro avvocati.

L'ex superiore dei gesuiti di Rupnik, il reverendo Johan Verschueren, ha dichiarato di non avere contatti con un avvocato per Rupnik. Non c'è stata risposta immediata a un'e-mail che chiedeva un commento da parte dello studio d'arte e centro ecumenico Centro Aletti di Rupnik a Roma. Rupnik non ha rilasciato alcun commento dallo scoppio dello scandalo, anche se il Centro Aletti lo ha sostenuto con forza e ha denunciato un "linciaggio" mediatico nei suoi confronti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Vaticano: iniziati i lavori di restauro del baldacchino della Basilica di San Pietro

Vaticano, al via un Sinodo dei vescovi storico: per la prima volta diritto di voto a donne e laici

Vaticano, in marcia per chiedere tolleranza zero contro i preti pedofili