Comportamenti violenti in coppia in un adolescente su due: il sondaggio di Save the children

Una donna durante la manifestazone per la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, Milano, 25 novembre 2023
Una donna durante la manifestazone per la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, Milano, 25 novembre 2023 Diritti d'autore Luca Bruno/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Luca Bruno/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

In occasione della giornata di San Valentino Save the children, in collaborazione con Ipsos e la campagna social #chiamalaviolenza, ha pubblicato il rapporto "Le ragazze stanno bene? Indagine sulla violenza di genere onlife in adolescenza"

PUBBLICITÀ

Il 14 febbraio milioni di coppie, in Italia e non solo, celebreranno il loro amore nel giorno di San Valentino. Ma la comprensione di questo sentimento e le conoscenze di base per distinguere tra una relazione sana e una tossica sembrano far ancora fatica a consolidarsi. 

Soprattutto tra i giovani, almeno secondo quanto rivelato dall'inedito rapporto di Save the children sul fenomeno della violenza di genere tra gli adolescenti"Le ragazze stanno bene? Indagine sulla violenza di genere onlife in adolescenza", realizzato in collaborazione con Ipsos e la campagna social #chiamalaviolenza

Dal sondaggio di Save the children emerge che più di un adolescente su due in coppia dichiara di aver subìto, almeno una volta, comportamenti lesivi o violenti e il 30 per cento dei teenager sostiene che la gelosia è un segno di amore. Per il 21 per cento condividere la password dei social e dei dispositivi con il partner è una prova d'amore. E il 17 per cento delle ragazze e dei ragazzi tra i 14 e i 18 anni pensa possa succedere che in una relazione intima scappi uno schiaffo ogni tanto.

Cosa pensano gli adolescenti del consenso sessuale

Per il 43 per cento degli adolescenti se davvero una ragazza non vuole avere un rapporto sessuale, il modo di sottrarsi lo può trovare. La percentuale di chi lo dichiara è più alta tra i ragazzi (46 per cento), ma è elevata anche tra le ragazze. 

Mentre il 29 per cento ritiene che le ragazze possano contribuire a provocare la violenza sessuale con il loro modo di vestire o di comportarsi, il 24 per cento pensa che se una ragazza non dice chiaramente "no" vuol dire che è disponibile al rapporto sessuale (la percentuale è sempre maggiore tra i ragazzi). 

Infine, il 21 per cento è molto o abbastanza d'accordo con il fatto che una ragazza, seppur sotto l'effetto di sostanze stupefacenti o di alcol, sia comunque in grado di acconsentire o meno ad avere un rapporto sessuale.

Quanto al consenso a un rapporto sessuale, il 90 per cento ritiene necessario chiederlo sempre, anche all'interno di una relazione di coppia stabile, ma per molti questa convinzione teorica non si traduce automaticamente in una norma comportamentale, visto che poi il 36 per cento ritiene di poter dare sempre per scontato il consenso della persona con cui si ha una relazione e il 48 per cento ritiene che sia difficile dire di no ad un rapporto sessuale se richiesto da un/una partner stabile. 

Le opinioni sui comportamenti violenti in coppia

Come detto sopra, un adolescente su due ha vissuto comportamenti lesivi o violenti. Questi includono essere chiamato con insistenza al telefono per sapere dove si trovava (34 per cento), essere oggetto di un linguaggio violento, con grida e insulti (29 per cento), essere ricattato per ottenere qualcosa che non si voleva fare (23 per cento), ricevere con insistenza la richiesta di foto intime (20 per cento), essere spaventato da atteggiamenti e gesti violenti (19 per cento). 

C'è anche la condivisione delle proprie foto intime con altri senza consenso (15 per cento). In questo caso il 47 per cento dichiara di avere agito, almeno una volta, questo  comportamento nei confronti del/lla partner. 

Qualche dato sugli stereotipi di genere

Per quanto riguarda gli stereotipi di genere, quasi il 69 per cento degli adolescenti pensa che le ragazze siano più predisposte a piangere dei ragazzi, il 64 che siano maggiormente in grado di esprimere le proprie emozioni, il 50 che sappiano prendersi cura in modo più attento delle persone. 

Il 39 per cento dei teenager ritiene che le ragazze siano più inclini a sacrificarsi per il bene della relazione, una percentuale che sale al 51 se si considera solo il parere delle ragazze.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Quant'è difficile quantificare il fenomeno dei femminicidi in Italia e in Europa

Femminicidi: l'Italia sta facendo abbastanza per proteggere le sue donne?

Elezioni in Basilicata: seggi aperti domenica e lunedì