EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Argentina: primo sciopero generale contro Milei e le sue politiche radicali

Primo sciopero generale in Argentina da quando Milei è presidente
Primo sciopero generale in Argentina da quando Milei è presidente Diritti d'autore Natacha Pisarenko/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Natacha Pisarenko/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Decine di migliaia di persone in piazza a Buenos Aires per dire "no" ai piani del presidente di profondi tagli alla spesa e di deregulation dell'economia alla vigilia del voto parlamentare sul disegno di legge

PUBBLICITÀ

In Argentina è andato in scena il primo sciopero generale contro le politiche radicali del presidente ultraliberista Javier Milei, da quando è in carica.Decine di migliaia di persone sono scese in piazza a Buenos Aires per dire "no" ai suoi piani di profondi tagli alla spesa, di riforma dell'economia e contro una nuova legge che limita il diritto di protesta e amplia i poteri presidenziali.

La protesta alla vigilia del voto in Parlamento

Giovedì 25 gennaio, la Camera dei deputati argentina dovrà votare un'importante legge annunciata il mese scorso da Javier Milei. Il disegno di legge include misure di deregolamentazione e tagli alla spesa per affrontare il deficit fiscale argentino, oltre all'espansione dei poteri presidenziali e alla modifica dei diritti di protesta.

Sindacati contro Milei

Milei, economista di estrema destra, è stato eletto a dicembre promettendo misure estreme per affrontare la crisi dell'inflazione e l'impennata della povertà nel Paese. Le sue proposte lo hanno messo in rotta di collisione con i sindacati. Lo sciopero è stato organizzato dal sindacato argentino Confederazione Generale del Lavoro (Cgt).

"Non tradite i lavoratori"

Domani "non tradite i lavoratori", ha detto Pablo Moyano, leader della Cgt nel suo intervento alla manifestazione, riferendosi all'atteso voto della legge Omnibus al Congresso.

"Giovedì dovranno affrontare la decisione storica di dire se stanno con i lavoratori o con le imprese che sono d'accordo con questo modello economico che il presidente Milei sta promuovendo", ha affermato il sindacalista, esortando a "non tradire i lavoratori".

LEGGI ANCHE:

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Buenos Aires, allagamenti e disagi per le forti piogge: un uomo trovato morto, cancellati 40 voli

Argentina, la discarica di bare e resti umani non identificati a La Plata

Milei in Vaticano: abbraccio con il Papa, lo aveva chiamato 'imbecille'