EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'ultraliberista Javier Milei è il nuovo presidente dell'Argentina

Il nuovo presidente argentino Javier Milei
Il nuovo presidente argentino Javier Milei Diritti d'autore Natacha Pisarenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Natacha Pisarenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Ilaria Cicinelli
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Con il 56% delle preferenze Javier Milei, definito spesso il "Trump argentino", candidato del partito di estrema destra Libertad avanza, ha sconfitto l'ex ministro dell'economia Sergio Massa

PUBBLICITÀ

Dal 10 dicembre l'ultraliberista Javier Milei siederà alla Casa rosada per i prossimi quattro anni: è lui il nuovo presidente argentino. Con il 56% delle preferenze il candidato del partito di estrema destra Libertad avanza (Lla) ha sconfitto il rivale peronista di Unión por la Patria (Up) Sergio Massa, ministro dell'Economia con lo scorso governo. 

Il nuovo presidente, già noto opinionista televisivo nel Paese, si è fatto notare per la sua teatrale campagna elettorale, in numerosi comizi è salito sul palco imbracciando una motosega.

Anche le promesse eelttorali sono apparse controverse e hanno contribuito ad atirare l'attenzione dei mezzi di comunicazione e dell'opinione pubblica. Tra di esse, la proposta di rendere il dollaro la moneta nazionale, e quella di "bruciare la Banca Centrale argentina". Contrario all'aborto e a favore della libera vendita di armi da fuoco, Il nuovo presidente è anche favorevole a tagliare i legami con i due maggiori partner commerciali dell'Argentina: Brasile e Cina. Milei è fautore del taglio della spesa pubblica e della soppressione dei ministeri della Sanità, dell’Istruzione, dello Sviluppo sociale. 

Un Trump argentino?

Spesso paragonato per il temperamento imprevedibile e per le sue idee all'ex presidente statunitense Donald Trump e a quello brasiliano Jair Bolsonaro, Milei ha fatto scalpore anche per essersi dichiarato favorevole alla liberalizzazione del commercio di organi.

Dopo la vittoria, l'ex presidente Trump si è congratulato con Milei dicendosi orgoglioso della sua vittoria. "Tutto il mondo stava guardando! Sono molto orgoglioso di te. Rivoluzionerai il tuo Paese e renderai davvero l'Argentina grande di nuovo!", ha scritto sulla sua piattaforma social Truth.

Nonostante rifiuti di definirsi ideologicamente di ultra destra, per la sua avventura politica ha scelto come vice Victoria Villaruel, un'avvocata conosciuta per aver difeso molti dei militari condannati per delitti di lesa umanità durante la dittatura.

Il leader di Lla ha aderito inoltre alla Carta di Madrid, documento promosso dal partito dell'estrema destra spagnola Vox, che si propone di frenare l'espansione del comunismo nella regione iberoamericana. 
Milei ha anche definito il Papa un comunista che rappresenta il male sceso in terra, insultandolo in diverse occasioni perché secondo lui "di sinistra". 

Proprio l'instabilità di Milei è stata uno dei cavalli di battaglia di Massa, che ha incentrato la sua campagna elettorale sulla prospettiva di fare da argine alla deriva populista del rivale. L'Up non è tuttavia riuscita a offrire delle soluzioni convincenti agli elettori che hanno preferito lo sfidante. Massa non ha offerto proposte nuove in campo economico, nonostante la crisi che la maggioranza dell'elettorato imputa all'operato del governo uscente: nel Paese l'inflazione è al 140 per cento e un argentino su quattro vive sotto la soglia di poverta.

Milei non disporrà della maggioranza assoluta in Parlamento, Alla camera, la coalizione di centrosinistra Up di Massa ha visto eletti 108 dei 257 deputati, contro i 38 de Libertad avanza. I vertici del partito starebbero valutando in queste ore se unire o meno le forze con parte della coalizione conservatrice Insieme per il cambiamento (Jxc), che conta 93 deputati al momento. Al Senato, Up ha ottenuto invece 33 seggi contro i 24 di Jxc e i 7 di Lla. Ora si aspetta di capire quale sarà nelle prossime ore la reazione dei mercati, dopo la pausa del lunedì.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Argentina, fan di Maradona celebrano l'anniversario dei goal di Messico '86

Argentina, nuova protesta contro Milei per chiedere il rilascio di 16 manifestanti

Buenos Aires, scontri tra manifestanti anti-Milei e polizia fuori dal Congresso argentino