EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Netanyahu: la Striscia di Gaza deve essere sotto il pieno controllo israeliano

Israele continua l'offensiva di terra a Gaza
Israele continua l'offensiva di terra a Gaza Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Maria Michela D'Alessandro
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per il premier israeliano Gaza deve essere smilitarizzata e restare sotto pieno controllo israeliano. Manifestazione dei familiari degli ostaggi vicino alla residenza di Netanyahu

PUBBLICITÀ

Non avanza nessuna ipotesi di tregua con Hamas. Il premier israeliano Benyamin Netanyahu in una conferenza stampa domenica ha chiarito che dopo aver eliminato Hamas a Gaza non ci sarà nessuno che finanzi o educhi al terrorismo o invii terroristi.

"La Striscia deve essere smilitarizzata e restare sotto pieno controllo di sicurezza israeliano", ha dichiarato Netanyahu, che ha poi respinto le richieste di Hamas per il rilascio degli ostaggi, ossia "la fine della guerra, l'uscita dell'Idf, la liberazione di assassini e stupratori e la sua permanenza al potere". 

Il premier israeliano ha ripetuto che solo la vittoria totale garantirà l'eliminazione di Hamas e il ritorno degli ostaggi, e che finché sarà primo ministro non ci sarà nessuno Stato palestinese

Le dichiarazioni di Benyamin Netanyahu di domenica

Le manifestazioni dei familiari degli ostaggi

Insieme alla guerra continuano anche le manifestazioni dei familiari degli ostaggi israeliani che durante tutto il weekend hanno chiesto a Netanyahu e al governo di riportare a casa i prigionieri. Diverse decine di manifestanti si sono riuniti vicino la residenza del premier a Gerusalemme chiedendo la liberazione degli ostaggi.

I manifestanti hanno espresso la loro rabbia per le dichiarazioni rilasciate nelle ore precedenti da Netanyahu con le quali ha respinto l'ipotesi di un accordo con Hamas. Manifestazioni analoghe sono state organizzate anche venerdì e sabato quando migliaia di persone hanno sfilato a Tel Aviv chiedendo lo scioglimento della Knesset e le dimissioni di Netanyahu.

Wall Street Journal: Nei prossimi giorni riprenderanno i negoziati

Come ha riferito il Wall Street Journal, citando fonti diplomatiche, i negoziati tra Hamas e Israele potrebbero riprendere già nei prossimi giorni. Gli Stati Uniti, l’Egitto e il Qatar avrebbero formulato una nuova proposta per convincere Israele e Hamas a impegnarsi in un processo diplomatico che prevedrebbe prima il rilascio degli ostaggi ancora detenuti a Gaza, poi il ritiro delle forze israeliane dalla Striscia. 

Secondo il quotidiano statunitense Washington, Il Cairo e Doha starebbero facendo pressioni su Israele e Hamas perché accettino un'intesa globale sul rilascio degli ostaggi e la fine della guerra a Gaza, per arrivare infine a una normalizzazione delle relazioni dello Stato ebraico con i Paesi arabi insieme a trattative per la creazione di uno Stato palestinese.

Postazioni di Hezbollah colpite nel sud del Libano

Le forze di sicurezza israeliane hanno riferito di avere colpito domenica postazioni di Hezbollah nel sud del Libano, in risposta agli attacchi contro il nord di Israele. Stando a fonti di sicurezza, due combattenti di Hezbollah sono stati uccisi in un colpo diretto di un drone israeliano su un veicolo nel sud del Libano. 

L'Idf ha inoltre affermato che più di novemila operativi di Hamas e membri di altri gruppi ritenuti terroristici sono stati uccisi nella Striscia di Gaza dall'inizio della guerra. Il numero si sommerebbe agli oltre mille miliziani uccisi in Israele il 7 ottobre.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, nuova protesta dei parenti degli ostaggi a Gaza: Hamas spiega il 7 ottobre

Gaza, 21 soldati israeliani uccisi in un'esplosione a Maghazi

Israele, al volante di un'auto investe e ferisce quattro militari dell'Idf