Forum economico a Davos, sul tavolo il piano di pace dell'Ucraina

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Berna, in Svizzera, 15 gennaio 2024
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Berna, in Svizzera, 15 gennaio 2024 Diritti d'autore Alessandro della Valle/' KEYSTONE / ALESSANDRO DELLA VALLE
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Attesa per l'arrivo del premier cinese Li Qiang dopo l'assenza della Cina al prevertice di domenica. Kiev riuscirà a coivolgere uno dei più stretti alleati della Russia?

PUBBLICITÀ

Cina, Unione europea, Ucraina e Stati Uniti sono i Paesi che esporranno a Davos, in Svizzera, il loro punto di vista su come "ricostruire la fiducia", motto del Forum economico mondiale del 2024.

Martedì saranno presenti contemporaneamente nella cittadina svizzera il premier cinese Li Qiang, il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky, il consigliere per la Sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

La grande domanda è se il premier cinese vorrà incontrare Zelensky, che interverrà al Forum e terrà a margine degli incontri bilaterali con altri leader, e gli alleati dell’Ucraina.

Domenica la Cina, che finora ha indirettamente sostenuto la Russia nel conflitto, non ha partecipato ai colloqui sul piano di pace dell’Ucraina, dove il capo dello staff del presidente ucraino, Andriy Yermak, ha presentato una "formula di pace" in 10 punti ai consiglieri per la Sicurezza nazionale di decine di Paesi. 

Kiev riuscirà a cambiare la situazione, coinvolgendo uno dei più stretti alleati della Russia?

Un vertice di pace in Svizzera

Una domanda ancora più incalzante dopo che lunedì, in occasione di una visita a Berna di Zelensky, la presidente svizzera Viola Amherd ha dichiarato che il suo Paese è pronto a organizzare un vertice di pace internazionale per contribuire a porre fine alla guerra in corso tra Russia e Ucraina. 

I due presidenti hanno detto che i team ucraino e svizzero inizieranno i preparativi per il Vertice globale già martedì. Non sono stati forniti dettagli su quando e come tale vertice potrebbe svolgersi, e la Russia non è stata coinvolta nel processo.

Per quanto riguarda i partecipanti, Zelensky ha detto che l'Ucraina è aperta "a tutti i Paesi del mondo che rispettano la sua sovranità e integrità territoriale.... Quindi, traete le conclusioni su chi invitare". 

Ha comunque espresso il forte desiderio che i Paesi del Sud globale siano presenti: "È importante per noi dimostrare che tutto il mondo è contro l'aggressione della Russia e che tutto il mondo è per una pace giusta". "Se i Paesi vogliono veramente che la guerra finisca, sosterranno il nostro piano", ha detto, aggiungendo che si tratta di un "piano aperto" che accoglierà le proposte di altri Paesi.

Zelensky ha anche sottolineato il "ruolo significativo della Cina nel mondo" e ha detto che Kiev "vorrebbe molto che la Cina fosse coinvolta nella nostra formula (di pace) e impegnata nel vertice (di pace)". Tuttavia, ha aggiunto, "non tutto dipende dalla nostra volontà... speriamo che tutti i Paesi civilizzati partecipino".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, la Francia invierà missili di precisione: Macron in visita a febbraio

Ucraina, Zelensky vola in Estonia, aiuti militari per 1.2 miliardi: "Niente pause dalla guerra"

Davos 2024: al Forum economico si discute anche dei beni russi congelati