EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gaza, le accuse di genocidio non fermano Israele: ancora attacchi nella Striscia

I feriti nell'attacco israeliano a Deir al Balah
I feriti nell'attacco israeliano a Deir al Balah Diritti d'autore Adel Hana/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Adel Hana/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Stefania De Michele
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'esercito israeliano attribuisce l'alto numero di vittime civili al fatto che i combattenti di Hamas combattono in aree densamente popolate

PUBBLICITÀ

Gli attacchi israeliani a Gaza hanno ucciso almeno venti persone nelle ultime ore, 12 nel territorio di Rafah e altre otto a Deir al-Balah dove un raid vicino all'ospedale dei Martiri di Al-Aqsa ha sventrato un edificio di due piani. I filmati dell'esplosione mostrano decine di persone che corrono in preda al panico tra montagne di polvere. 

Le forze israeliane stanno bombardando un'area a nord del campo profughi di Nuseirat, situato vicino a Deir el-Balah e finito ripetutamente sotto il fuoco militare israeliano durante la guerra.

Gaza, il bilancio delle vittime

Almeno 23.357 persone sono state uccise e più di 59.410 ferite negli attacchi israeliani a Gaza dal 7 ottobre. Circa due terzi dei morti sono donne e bambini, secondo il ministero della Sanità di Gaza gestito da Hamas. Il bilancio delle vittime non distingue tra combattenti e civili. Il bilancio rivisto delle vittime in Israele dell'attacco del 7 ottobre è di 1.139 persone. 

L’Unrwa, Agenzia di soccorso delle Nazioni Unite, stima che circa 1,9 milioni di persone sono sfollate internamente a causa del conflitto. Si tratta di quasi l’85% della popolazione.

Israele non si ferma neppure in vista del primo giorno di udienza davanti alla Corte internazionale di giustizia per le accuse di genocidio di Israele a Gaza, mosse dal Sud Africa. L'esercito israeliano attribuisce l'alto numero di vittime civili al fatto che i combattenti di Hamas combattono in aree densamente popolate.

Gli scontri al confine con il Libano

Il Capo di Stato Maggiore israeliano Herzi Halevi ha incontrato i comandanti dell'Idf nella Striscia di Gaza. In primo piano anche le tensioni al confine con il Libano. Aumentano i combattimenti oltre la frontiera: Hezbollah ha dichiarato che i suoi attacchi mirano ad allentare la pressione su Gaza.

Un alto funzionario di Hamas in Libano ha elogiato il caso di genocidio del Sudafrica contro Israele, definendolo "storico, coraggioso e onorevole". Durante una conferenza stampa a Beirut, Osama Hamdan ha invitato la Corte Internazionale di Giustizia a non "cedere alle pressioni" dell'amministrazione statunitense per interrompere il caso.

Intanto, una folla di palestinesi si è riunita in piazza Nelson Mandela a Ramallah per ringraziare il Sudafrica per il suo sostegno alla Palestina.

A dicembre, il Sudafrica ha avviato una causa presso la Corte internazionale di giustizia, accusando Israele di genocidio contro i palestinesi di Gaza e chiedendo alla Corte di ordinare a Israele di fermare i suoi attacchi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: decine di morti in nuovi raid, Israele parla alla Corte di Giustizia

Una vecchia bandiera palestinese aveva al centro la stella di David?

Israele, manifestazioni pro e contro a L'Aia fuori dalla Corte di giustizia Onu