EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Disordini per i media pubblici in Polonia, a Varsavia protesta l'opposizione di destra contro Tusk

Proteste del Pis davanti alla sede dell'emittente Tvp
Proteste del Pis davanti alla sede dell'emittente Tvp Diritti d'autore Czarek Sokolowski/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Czarek Sokolowski/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Ilaria CicinelliAP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Proteste a Varsavia dove i sostenitori dell'opposizione si sono riuniti davanti alla sede dell'emittente statale Tvp. Il nuovo governo di Donald Tusk vuole riformare i media pubblici della Polonia fino a un mese fa controllati dal Pis, accusato di strumentalizzare l'informazione

PUBBLICITÀ

Regna il caos nei media pubblici della Polonia. L'opposizione di destra, frustrata per aver perso il potere dopo otto anni, ha esortato i suoi sostenitori a protestare giovedì contro le mosse del nuovo governo. L'intenzione è quella di prendere il controllo delle emittenti statali e dell'agenzia di stampa statale.

A Varsavia i sostenitori del partito in precedenza al governo, Diritto e giustizia (Pis), stanno protestando a Varsavia contro i cambiamenti introdotti dal governo di Donald Tusk. Il partito ha dipinto la protesta come una difesa della democrazia e della libertà dei media, anche se durante il suo mandato è stato criticato proprio per aver limitato la libertà dei mezzi di informazione. 

L'invito alle proteste dell'11 gennaio del Pis

Sia il team che ha firmato i contratti sotto il Pis sia quello nominato lo scorso dicembre dopo le elezioni si considerano quelli legittimi causa delle controversie legali e delle interpretazioni divergenti.

La squadra precedente si rifiuta di lasciare i propri posti e rimane nei propri uffici e considera illegali le azioni dell'attuale governo. Questa posizione è sostenuta anche dai politici del partito Pis che si recano nell'edificio dell'emittente Tvp.

Dubbi sulla legittimità del processo di transizione

In uno dei suoi primi passi, il governo di Tusk si è mosso per prendere il controllo della televisione di Stato, della radio e dell'agenzia di stampa Pap, che il Pis ha trasformato in strumenti di propaganda aggressiva contro i suoi critici e contro Tusk stesso.

I leader del precedente governo sostengono che le mosse di Tusk sono illegali e hanno inscenato l'occupazione dei locali dei media, affermando di difendere la libertà di espressione e le norme democratiche. Secondo i critici, il Pis vuole mantenere il controllo delle emittenti nazionali in vista delle elezioni amministrative di questa primavera.

Tuttavia, molte Ong ed esperti sottolineano che, sebbene fosse necessario cambiare il carattere dei media pubblici in Polonia, nutrono anche dubbi legali e politici sul modo in cui è stato fatto.

"Negli ultimi anni, i media pubblici sono diventati portavoce della maggioranza di governo su una scala senza precedenti e questo richiedeva un cambiamento", ha spiegato Maciej Nowicki, capo del consiglio di amministrazione della Fondazione Helsinki per i diritti umani. "Ciò che è dubbio, tuttavia, è il modo legale in cui sono stati introdotti i cambiamenti: nell'ordinamento costituzionale polacco non è un ministro, non è un politico a essere incaricato di nominare i direttori dei media pubblici".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia, grazia ai due parlamentari del PiS arrestati

Polonia, opposizione chiede liberazione deputati arrestati

Elezioni europee: Tusk invita i polacchi a votare, "Ue unico modo per evitare la guerra"