Morto Antonio Mancini, tra fondatori della banda della Magliana

Fece rivelazioni su Pecorelli, Moro ed Emanuela Orlandi
Fece rivelazioni su Pecorelli, Moro ed Emanuela Orlandi
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 02 GEN - È morto a Roma a 85 anni Antonio Mancini, ex componente della Banda della Magliana: soprannominato 'l'Accattone' e 'Zio Nino', era uno degli ultimi esponenti di chiave e fondatori dell'organizzazione criminale ancora in vita. Nel 1994 Mancini scelse di collaborare con la giustizia, fornendo elementi agli inquirenti su numerosi fatti di cronaca nera fin dalla fine degli anni '70: dal delitto Pecorelli al ruolo della banda nelle ricerche della prigione di Aldo Moro e l'agguato al boss Enrico De Pedis. In passato Mancini ha anche rilasciato dichiarazioni relative al coinvolgimento di De Pedis e di alcuni esponenti vaticani nella vicenda di Emanuela Orlandi, la quindicenne scomparsa nell'83 a Roma e mai più ritrovata: dichiarazioni che, seppure confermate anche dall'altro pentito Maurizio Abbatino, non avrebbero poi avuto esiti e conferme concreti. La figura di Mancini ha ispirato il personaggio di 'Ricotta' nel libro Romanzo criminale, scritto da Giancarlo De Cataldo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia