EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Orbán dice sì a Zelensky: presto un bilaterale ma nessuna apertura sull'adesione dell'Ucraina all'Ue

Il primo ministro ungherese Viktor Orban
Il primo ministro ungherese Viktor Orban Diritti d'autore Denes Erdos/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Denes Erdos/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Nella conferenza stampa di fine anno il premier ungherese si è detto disponibile a un incontro con il presidente ucraino Tuttavia ha ribadito che Budapest non sosterrà l'adesione dell'Ucraina all'Ue o i finanziamenti a Kiev al prossimo Consiglio europeo

PUBBLICITÀ

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha dichiarato giovedì di aver accettato l'invito del presidente ucraino Volodymyr Zelensky per un incontro bilaterale in futuro. Sarebbe il primo colloquio tra i due leader dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022.

La proposta è nata durante una breve conversazione tra i due leader nel corso della cerimonia di giuramento del 10 dicembre del nuovo presidente argentino Javier Milei.

Nel corso della conferenza stampa di fine anno Orbán ha riferito che il leader ucraino ha chiesto di discutere l'ingresso del suo Paese nell'Unione europea (Ue).

Le relazioni tra i due leader sono difficili. L'Ungheria ha ripetutamente bloccato gli sforzi dell'Ue per fornire aiuti finanziari all'Ucraina e si è rifiutata di fornire al suo vicino il supporto per gli aiuti militari. Orbán si è inoltre opposto all'avvio del percorso di adesione dell'Ucraina all'Unione ed è uno dei pochi leader dell'Ue a non aver effettuato un viaggio ufficiale a Kiev dall'inizio della guerra con la Russia

Nessuna apertura a Kiev da parte di Budapest

Orbán ha dichiarato che il suo governo si oppone alla portata e alle tempistiche dei finanziamenti per la resistenza armata dell'Ucraina, lasciando intendere che non è incline a cambiare idea in vista del prossimo Consiglio europeo.

Ha affermato che il finanziamento non deve provenire da modifiche al bilancio dell'Ue, ma basarsi su contributi individuali dei Paesi membri. Secondo il premier ungherese i piani per finanziare l'Ucraina nei prossimi anni dovrebbero essere limitati al breve termine.

"Il punto di vista ungherese è che se vogliamo dare soldi all'Ucraina, allora non dovremmo darli per un periodo di cinque anni perché non abbiamo idea di cosa accadrà nei prossimi tre mesi", ha detto.

L'Ungheria isolata nell'Ue

Orbán ha affrontato un crescente isolamento in Europa per la sua posizione sulla guerra. A pesare sono anche le accuse di aver eroso gli equilibri democratici dell'Ungheria in 13 anni di governo.

L'Ue ha bloccato miliardi in finanziamenti all'Ungheria a causa delle preoccupazioni sulla corruzione nel Paese e sull'indipendenza dei giudici, anche se la scorsa settimana ha concesso  l'accesso a 10,2 miliardi di euro, in cambio dell'astensione sul voto che ha concesso l'avvio dei negoziati per l'ingresso in Europa di Kiev.

Conosciuto da Bruxelles come il più stretto alleato del presidente russo Vladimir Putin, Orbán. Anche per questo nel corso della conferenza Orbán ha difeso l'uso del termine "operazione militare", riferito all'invasione su larga scala dell'Ucraina da parte della Russia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Orbán contro tutti al Consiglio europeo

Europee: Ilaria Salis sarà eurodeputata con Alleanza Verdi e Sinistra: eletta con 165mila voti

Stati Uniti, Steve Bannon dovrà essere incarcerato entro l'1 luglio