EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Serbia, opposizioni in piazza a Belgrado: "Vučić ha vinto per brogli elettorali"

Il presidente serbo Vučić festeggia la vittoria elettorale
Il presidente serbo Vučić festeggia la vittoria elettorale Diritti d'autore Darko Vojinovic/AP
Diritti d'autore Darko Vojinovic/AP
Di Stefania De Michele
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Belgrado, le opposizioni protestano davanti alla sede della commissione elettorale. Chiedono che il voto sia annullato per irregolarità e brogli

PUBBLICITÀ

Il presidente Aleksandar Vučić rafforza il suo potere in Serbia dopo la larga affermazione del suo Partito progressista serbo (Sns, conservatore) alleelezioni parlamentari e locali, ma deve far fronte a nuove, violente proteste delle opposizioni che denunciano irregolarità e brogli, in particolare nelle amministrative a Belgrado.

Belgrado, la protesta dell'opposizione

In serata, diverse centinaia di manifestanti si sono radunati davanti alla sede del Municipio, a Belgrado, raggiungendo in corteo l'edificio che ospita la commissione elettorale. 

Contestano il risultato elettorale delle municipali nella Capitale (più equilibrato rispetto alle parlamentari, con l'Sns al 38,9% e con 48 seggi - sul totale di 110 dell'Assemblea municipale - e l'Spn al 34,6% e con 43 seggi).

La protesta delle opposizioni a Belgrado
La protesta delle opposizioni a BelgradoANDREJ ISAKOVIC/AFP or licensors

"Dalla Bosnia Erzegovina per votare il partito di Vučić"

L'Sns è accusato di aver organizzato il trasporto a Belgrado di oltre 40.000 persone dalla vicina Republika Srpska, l'entità a maggioranza serba della Bosnia-Erzegovina, per farle votare a favore del partito del Presidente.

Per questo motivo, l'opposizione ha chiesto l'annullamento del voto e la ripetizione delle elezioni amministrative a Belgrado. 

Gli osservatori delle organizzazioni internazionali non sono stati in grado di confermare un sistematico broglio elettorale da parte del governo, tuttavia sembrano concordare con le denunce dell'opposizione: manipolazioni, errori, black out, violazione della segretezza del voto. 

La premier serba: "Insinuazioni malevole"

Le accuse di brogli sono state respinte con forza dalla premier serba Ana Brnabic, che ha parlato di "insinuazioni" malevole dirette a suscitare tensioni, provocare caos e disordini.

La premier serba Ana Brnabic
La premier serba Ana BrnabicELVIS BARUKCIC/AFP or licensors

La maggioranza parlamentare all'Sns

Stando ai risultati delle parlamentari, diffusi in giornata dalla commissione elettorale, all'Sns è andato il 46,7% dei voti, rispetto al 23,5 ottenuto da 'La Serbia contro la violenza'(Spn), l'alleanza delle formazioni di****opposizione,cartello liberale e filo-Ue.

Il partito socialista serbo (Sps) del ministro degli Esteri Ivica Dacic, calato sensibilmente al 6,5%, è la terza forza del Paese. 

Altri due partiti minori hanno superato lo sbarramento del 3% per accedere al parlamento unicamerale di 250 seggi.

In termini di seggi, all'Sns ne andrebbero 128 con la maggioranza assoluta, all'Spn 65, all'Sps 18. 

 'La Serbia contro la violenza' è stata protagonista di diverse manifestazioni antigovernative prima del voto e dopo le due stragi di inizio maggio, una delle quali ad opera di un 13enne in una scuola delle Capitale, col bilancio di una ventina di morti.

L'accusa nei confronti di presidente e governo è quella di portare avanti una politica che promuoverebbe l'intolleranza e la violenza nel Paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Balcani occidentali: in Serbia aumentano gli investimenti esteri

Elezioni anticipate in Serbia, la tattica per distrarre dalle violenze: Vučić resta il favorito

No alla Nato e all'Unione Europea: viaggio tra i serbi di Bosnia-Erzegovina