Elezioni russe nei territori ucraini occupati, Kiev chiede sanzioni

La distruzione di un monumento ad un generale russo della Prima guerra mondiale a Kiev
La distruzione di un monumento ad un generale russo della Prima guerra mondiale a Kiev Diritti d'autore Efrem Lukatsky/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Di fronte alla possibilità che Mosca organizzi seggi elettorali per le presidenziali del 2024 anche nei territori ucraini occupati, Kiev risponde chiedendo sanzioni e spiegando che si tratterebbe di una violazione della legge

PUBBLICITÀ

Il ministero degli Esteri di Kiev ha fatto sapere che considererà "non valido" qualsiasi tentativo di far partecipare la popolazione dei territori occupati dell'Ucraina alle elezioni presidenziali russe. Di recente, il Cremlino ha annunciato che la consultazione si terrà dal 15 al 17 marzo 2024. Kiev ha sottolineato che un simile voto "violerebbe gravemente" la legge ucraina e le normative delle Nazioni Unite. Il ministero ha chiesto pertanto di imporre sanzioni nei confronti di coloro che saranno coinvolti nell'organizzazione del voto e ha promesso che qualsiasi osservatore internazionale inviato a monitorare le elezioni russe "dovrà affrontare responsabilità penali".

La Russia ha già tenuto due consultazioni elettorali nelle regioni ucraine occupate

La Russia ha già condotto diverse votazioni in porzioni occupate delle regioni sud-orientali ucraine, come nel caso del referendum del settembre 2022 e di un'elezione locale nel 2023. In entrambi i casi è arrivata una ferma condanna da parte della comunità internazionale.

Intanto continua il processo di cancellazione della storia russa sul territorio ucraino:il consiglio comunale di Kiev ha ordinato lo smantellamento del monumento eretto al comandante dell'Armata Rossa della Guerra Civile, Mykola Shchors. Si tratta di un ufficiale della Prima guerra mondiale che poi divenne comandante dell'Armata Rossa durante la guerra civile del 1918 e 1919. Guidò un reggimento e una brigata nelle battaglie contro la Repubblica Popolare Ucraina e alla fine fu nominato primo comandante sovietico di Kiev. Morì nel 1919 in circostanze poco chiare: negli anni Sessanta è emersa l'opinione che non sia stato ucciso in un combattimento contro i "nemici della Rivoluzione", ma che sia stato assassinato dai suoi.

A Kiev la distruzione di un monumento a un generale russo della prima guerra mondiale

Il monumento fu eretto in epoca staliniana (iniziato nel 1940, sospeso durante la guerra e completato nel 1954). Dopo la dissoluzione dell'URSS, l'omaggio al controverso personaggio è diventato oggetto di discussioni e attacchi, che sono aumentati dopo il 2014. Tuttavia, nel 2016 il consiglio comunale di Kiev aveva difeso il monumento. Che due anni più tardi era stato danneggiato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ue, Macron fa la corte a Orbán per evitare il veto ungherese sull'Ucraina

Stallo negli Usa sui fondi per l'Ucraina, "Biden si occupi prima dei migranti dal Messico"

Guerra in Ucraina: Zelensky, il 2024 sarà l'anno della svolta