Medici italiani con Meloni a Dubai per curare bimbi Gaza

P.Chigi, sull'aereo pediatri del Bambino Gesù e del Gaslini
P.Chigi, sull'aereo pediatri del Bambino Gesù e del Gaslini
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - DUBAI, 30 NOV - "D'intesa con gli Emirati Arabi è previsto l'invio di medici pediatri italiani dagli ospedali Gaslini di Genova e Bambino Gesù di Roma per aiutare i medici emiratini nelle cure dei numerosi pazienti minori palestinesi trasferiti negli EAU in questi ultimi giorni. Il primo team di medici dagli ospedali Gaslini e Bambino Gesù arriverà oggi, 30 novembre, a Dubai, con il volo della presidente del Consiglio". Lo comunica Palazzo Chigi spiegando che è "allo studio anche lo schieramento di un ospedale da campo a Gaza assieme agli Emirati Arabi Uniti". "L'Italia sin dal primo giorno - sottolinea Palazzo Chigi - si è attivata nell'invio di aiuti umanitari verso la popolazione civile di Gaza. In accordo con i principali partner della regione e d'intesa con Israele, l'Italia ha inviato due voli di materiale umanitario, proveniente dalla base logistica delle Nazioni Unite di Brindisi, e la nave Vulcano, una nave ospedale della Marina militare, in particolare per la cura dei minori feriti a Gaza, che si prevede attracchi nei prossimi giorni (3 dicembre) nel porto di Al Arish in Egitto". "Sulla nave - prosegue la nota - è prevista anche la collaborazione di medici pediatri di altre Nazioni, a cominciare dal Qatar, e di organizzazioni come la Fondazione Francesca Rava. La collaborazione con l'Egitto è stata fondamentale per la riuscita delle operazioni umanitarie". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, un 17enne entra con un coltello in un liceo: quattro feriti, due gravi

Romania, la coalizione di governo sovrappone le elezioni locali alle europee

In Ucraina mancano i soldati volontari, le truppe al fronte sono esauste