Ucraina, i russi avanzano ad Avdiivka. Gb: a novembre 931 russi morti al giorno

Carristi ucraini a bordo di un Leopard 1A5 nella Regione di Kharkiv
Carristi ucraini a bordo di un Leopard 1A5 nella Regione di Kharkiv Diritti d'autore ANATOLII STEPANOV/AFP
Di Maria Michela Dalessandro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le forze russe hanno attaccato sei insediamenti nell'oblast di Sumy, nel weekend registrati avanzamenti sul fronte aperto di Avdiivka. Intelligence britannica: nelle ultime 6 settimane le maggiori perdite russe

PUBBLICITÀ

Le forze militari russe hanno registrato lo scorso fine settimana passi avanti sul fronte aperto di Avdiivka, la città dell'est dell'Ucraina, nella regione di Donetsk, a soli dieci chilometri dall'omonima città assediata in cui si concentrano i combattimenti fra i due eserciti - l'Institute for the Study of War ha confermato i progressi. I militari ucraini sono stati costretti a ritirarsi dalle zone a sud est della cittadina industriale e anche a nord ovest, all'altezza del villaggio di Stepove. 

Lunedì 27 novembre le forze russe hanno invece attaccato sei insediamenti nell'oblast di Sumy, dove sono state registrate 142 esplosioni, come ha riferito l'amministrazione militare locale. L’esercito russo ha preso di mira le comunità di Khotin, Seredyna-Buda, Bilopillia, Velyka Pysarivka, Yunakivka e Myropillia, colpendo con diverse armi, compresi droni.

Regno Unito: nelle ultime 6 settimane le maggiori perdite russe

Nelle ultime sei settimane, le perdite delle forze russe sono state le più alte dall'inizio dell'invasione in Ucraina, in seguito all'offensiva su Avdiivka nel Donetsk. A sostenerlo, l'intelligence del Ministero della Difesa britannico nel suo report quotidiano: i dati, forniti dallo stato maggiore ucraino, riferiscono che in questo mese la perdita media giornaliera delle truppe russe è di 931 soldati al giorno. Prima di novembre 2023, il mese con più perdite per l'esercito di Mosca era stato registrato a marzo 2023 con una media di 776 soldati morti al giorno.

La protesta delle mogli dei soldati russi

Per la prima volta dall'inizio dell'invasione russa in Ucraina, le mogli dei soldati russi al fronte hanno manifestato pubblicamente il loro dissenso nei confronti della gestione dei soldati che stanno combattendo da ormai quasi due anni senza rotazioni nè congedi. 

Il 7 novembre 2023 una trentina di donne si sono date appuntamento nel centro di Mosca, a pochi metri dal Cremlino, per chiedere pubblicamente il ritorno degli uomini dal fronte. 

Tra i messaggi scritti sui cartelli, "la giustizia è smobilitazione per i mobilitati", insieme a "è ora che i mobilitati tornino a casa".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: l'esercito russo accerchia Avdiivka

Ucraina, ancora missili sul Donetsk. Zelensky visita le truppe al fronte

Ucraina, gli scontri minacciano le centrali nucleari. I russi circondano Avdiivka