EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'Europa "aiuta" la guerra di Israele a Gaza con armi di vitale importanza

Immagine scattata dal confine israeliano con la Striscia di Gaza il 29 ottobre 2023.
Immagine scattata dal confine israeliano con la Striscia di Gaza il 29 ottobre 2023. Diritti d'autore FADEL SENNA/AFP or licensors
Diritti d'autore FADEL SENNA/AFP or licensors
Di Joshua Askew
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I dati condivisi con Euronews mostrano che diversi Stati europei hanno fornito armi ed equipaggiamenti chiave, probabilmente utilizzati dall'Esercito israeliano nella sua offensiva

PUBBLICITÀ

In una recente lettera, l'ex funzionario dell'Onu Craig Mokhiber ha criticato la comunità internazionale per non aver fermato il "genocidio che si sta svolgendo sotto i nostri occhi" a Gaza.

L'avvocato statunitense per i diritti umani ha accusato Stati Uniti, Regno Unito e gran parte dell'Europa di essere "totalmente complici dell'orribile assalto" all'enclave palestinese da parte delle Forze israeliane, iniziato il 7 ottobre quando Hamas ha ucciso più di 1.400 persone nel sud di Israele.

Israele ha risposto con attacchi incessanti su Gaza e con l'invio di truppe e carri armati, causando sinora più di 9.000 morti, secondo le autorità palestinesi.

Le informazioni condivise con Euronews mostrano che gli Stati europei stanno probabilmente "aiutando e assistendo" direttamente l'offensiva di Israele.

L'Istituto Internazionale di Ricerca sulla Pace di Stoccolma (Sipri) ha fornito dati sulle vendite di armi dall'Europa a Israele tra il 2013 e il 2022, mostrando che l'Italia e la Germania hanno fornito alle Forze armate israeliane armi ed equipaggiamenti cruciali che ora stanno utilizzando sul campo a Gaza.

Secondo la Campagna contro il commercio di armi (Caat), il Regno Unito ha concluso accordi lucrativi con le Forze aeree israeliane.

Tuttavia, il gruppo ha dichiarato a Euronews che, a causa di accordi di licenza poco trasparenti, può essere difficile determinare esattamente cosa sia stato trasferito.

Il Sipri, un istituto di ricerca indipendente con sede in Svezia, ha dettagliato che la Germania ha inviato più di 1.000 motori per carri armati a Israele.

FILE - Israeli Merkava Mark 4 tanks drive during an exercise in the Israeli controlled Golan Heights, near the border with Syria, Monday, Jan. 11, 2016.
FILE - Israeli Merkava Mark 4 tanks drive during an exercise in the Israeli controlled Golan Heights, near the border with Syria, Monday, Jan. 11, 2016.Ariel Schalit/AP

In base a una licenza di esportazione del 2000, i motori sono stati utilizzati nei carri armati Merkava-4 e nei veicoli corazzati per il personale (Apc) Namer. 

Motori diesel sono stati forniti anche per il veicolo da combattimento Eitan, prodotto in Israele.

"Secondo le nostre stime, alcuni di questi motori sono probabilmente pronti per essere utilizzati a Gaza", ha dichiarato a Euronews Zain Hussain, ricercatore del Sipri.

Negli ultimi dieci anni, secondo l'istituto, la Germania ha anche fornito - e parzialmente finanziato con i soldi dei contribuenti - sottomarini di classe Dolphin e corvette Sa'ar per la Marina israeliana, sebbene con a bordo armi e missili israeliani.

Di queste navi, Hussain dice che "alcune sono state messe in servizio e probabilmente utilizzate per bombardare obiettivi a Gaza".

"La Germania ha finanziato parte degli acquisti israeliani di sottomarini e corvette come forma di aiuto militare a Israele, per sostenere il Paese nella sua difesa e in una sorta di compensazione per i crimini nazisti", ha aggiunto in una dichiarazione inviata a Euronews.

Secondo il Sipri, esiste anche una significativa cooperazione industriale nel settore della difesa tra Germania e Israele, anche nello sviluppo di missili e altre munizioni, che coinvolge aziende come Rheinmetall, Mbda Deutschland e Krauss-Maffei Wegmann.

PUBBLICITÀ

A ottobre, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha dichiarato al parlamento del suo Paese di aver offerto aiuto militare a Israele: "In questo momento, c'è solo un posto per la Germania: il posto al fianco di Israele - ha detto ai legislatori - la nostra storia, la nostra responsabilità derivante dall'Olocausto ci impone di difendere la sicurezza dello Stato di Israele".

A man sits on the rubble as others wander among debris of buildings that were targeted by Israeli airstrikes in Jabaliya refugee camp, northern Gaza Strip, Wednesday, Nov. 1,
A man sits on the rubble as others wander among debris of buildings that were targeted by Israeli airstrikes in Jabaliya refugee camp, northern Gaza Strip, Wednesday, Nov. 1,Abed Khaled/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Anche se su scala minore rispetto alla Germania, l'Italia ha fornito parti per aerei da addestramento e da combattimento, tra cui l'M-346 Master e l'elicottero leggero Aw-119, secondo il Sipri.

Sebbene Roma non abbia ancora promesso sostegno militare a Israele, la premier italiana, Giorgia Meloni, ha espresso il suo sostegno e vicinanza alla popolazione israeliana, dopo l'attacco di Hamas.

Tra il 2013 e il 2022, le aziende italiane hanno venduto a Israele armamenti per un valore di quasi 120 milioni di euro: in media circa 12 milioni di euro all'anno, secondo Pagella Politica.

PUBBLICITÀ

I dati condivisi con Euronews dalla Campagna contro il commercio di armi (Caat) mostrano che anche il Regno Unito è un importante fornitore di armi a Israele.

Fornisce componenti che costituiscono il 15% di ogni velivolo da combattimento F35, attualmente utilizzato nell'incessante bombardamento di Gaza da parte di Israele, che ha colpito scuole, ospedali e aree residenziali.

Secondo stime "prudenti", il valore di questi componenti è di 336 milioni di sterline (386 milioni di euro) dal 2016.

Tuttavia, il gruppo ha affermato che le esportazioni "più significative" avvengono tramite licenze aperte, che rendono difficile determinare esattamente cosa viene trasferito a causa della loro "mancanza di trasparenza".

PUBBLICITÀ

Il Caat ha segnalato diverse licenze aperte "preoccupanti" che "potrebbero facilmente coinvolgere" attrezzature che potrebbero essere utilizzate a Gaza, come attrezzature, software e tecnologia per aerei ed elicotteri da combattimento, oltre a componenti per artiglieria, cannoni navali e navi da combattimento, attrezzature per missili e munizioni e radar militari.

"Le vendite di armi a Israele devono essere interrotte immediatamente - ha dichiarato Emily Apple, coordinatrice dei media del Caat, in una dichiarazione inviata a Euronews - Israele sta commettendo crimini di guerra contro il popolo palestinese con l'assedio e il bombardamento di Gaza, causando una catastrofe umanitaria e uccidendo migliaia di civili".

Inviando parti vitali che venivano utilizzate per bombardare la Striscia di Gaza, ha affermato che il governo e l'industria del Regno Unito sono "complici di questi crimini di guerra".

A Palestinian man reacts while holding the body of a relative killed following Israeli bombardment on October 31, 2023.
A Palestinian man reacts while holding the body of a relative killed following Israeli bombardment on October 31, 2023.MAHMUD HAMS/AFP or licensors

Inoltre, Amnesty International ha affermato di aver chiesto da tempo un "embargo completo sulle armi a Israele, Hamas e altri gruppi armati palestinesi".

PUBBLICITÀ

"Abbiamo adottato questa posizione a causa di modelli di gravi violazioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario che risalgono a molti anni fa, nel corso di numerosi conflitti", ha dichiarato a Euronews Patrick Wilcken, ricercatore sulle questioni militari, di sicurezza e di Polizia di Amnesty International.

Ha dichiarato che Amnesty ha documentato prove di crimini di guerra da parte delle Forze israeliane, di Hamas e di altri gruppi armati.

Per quanto riguarda le Forze israeliane, ciò ha incluso "la mancata adozione di precauzioni praticabili per risparmiare i civili, l'esecuzione di attacchi indiscriminati che non hanno saputo distinguere tra civili e obiettivi militari, o l'esecuzione di attacchi che potrebbero essere stati diretti contro oggetti civili", secondo Wilcken.

Hamas ha commesso "uccisioni sommarie di massa, presa di ostaggi e lancio di razzi indiscriminati verso Israele", ha aggiunto.

PUBBLICITÀ

I trasferimenti di attrezzature militari a Israele violano la politica dell'Ue che richiede "il rispetto dei diritti umani nel Paese di destinazione finale e il rispetto del diritto umanitario internazionale da parte di tale Paese", afferma Amnesty.

Gli articoli 6 e 7 del Trattato sul commercio di armi vietano inoltre i trasferimenti quando vi è un rischio eccessivo che le armi possano essere utilizzate per commettere o facilitare una grave violazione del diritto umanitario internazionale.

"Gli Stati che continuano a trasferire armi a Israele o ad Hamas e ad altri gruppi armati palestinesi, sapendo che lo Stato o il gruppo destinatario sta usando queste armi per commettere "atti illeciti a livello internazionale" - che includono crimini di diritto internazionale come i crimini di guerra e i crimini contro l'umanità - sono essi stessi a rischio di aiutare e assistere in questi illeciti", ha concluso Wilcken.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Polizia israeliana attacca gli ebrei ultraortodossi a Gerusalemme est

Israele si spinge verso Gaza City incontrando la resistenza dei miliziani di Hamas

Gaza, Israele attacca una scuola gestita dall'Onu. Almeno 14 i morti