Hamas propone uno scambio di ostaggi. Israele: "terrorismo psicologico"

Hamas propone uno scambio di ostaggi
Hamas propone uno scambio di ostaggi Diritti d'autore Seth Wenig/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Hamas ha detto che libererà tutti gli ostaggi in cambio di tutti i prigionieri palestinesi detenuti nelle prigioni israeliane: 229 ostaggi per 7 mila detenuti. Israele controbatte: "è terrorismo psicologico"

PUBBLICITÀ

Tutti gli ostaggi di Gaza in cambio di tutti i detenuti palestinesi nelle prigioni israeliane: Questa la proposta di Hamas che si dichiara pronto a un accordo immediato. 

Yahia Sinwar, leader di Hamas, ha fatto sapere che la sua organizzazione è "pronta a un accordo immediato per lo scambio dei prigionieri, tutti gli ostaggi in cambio di tutti i detenuti".

La proposta però sarebbe stata ostacolata proprio da Israele. Questo è quanto afferma Abu Obeida, portavoce dell'ala militare di Hamas.

"Ci sono stati diversi contatti al riguardo di uno scambio di prigionieri", ma Israele non ha affrontato la questione con serietà". 

Ma Gerusalemme rimanda la proposta al mittente. "È terrorismo psicologico", ha detto il portavoce delle Forze di difesa israeliane Daniel Hagari.

Israeliani organizzano una manifestazione a Tel Aviv per chiedere al governo spiegazioni sul piano di liberazione degli ostaggi. Sul cartello: "Riportate la mia gente a casa"
Israeliani organizzano una manifestazione a Tel Aviv per chiedere al governo spiegazioni sul piano di liberazione degli ostaggi. Sul cartello: "Riportate la mia gente a casa"Bernat Armangue/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha incontrato nella giornata di sabato i rappresentanti delle famiglie degli ostaggi tenuti da Hamas a Gaza e ha detto che il governo "eserciterà ed esaurirà ogni possibilità per riportare i familiari a casa", senza però specificare un piano militare o diplomatico per ottenere il rilascio.

Molti israeliani ritengono il primo ministro responsabile dell’intera situazione. A Tel Aviv le famiglie degli ostaggi hanno organizzato una manifestazione per avere spiegazioni immediate al governo israeliano dopo l'intensificarsi degli attacchi sul territorio palestinese. I dimostranti vogliono le dimissioni di Netanyahu e chiedono al governo di fornire un percorso chiaro per il salvataggio dei propri familiari.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele: il dramma degli ostaggi

Abu Mazen vuole un vertice d'emergenza con i paesi arabi: la risposta a Benjamin Netanyahu

Jenin, raid di Tsahal, 4 morti. ANP: "Un nuovo crimine di Israele"