Abu Mazen vuole un vertice d'emergenza con i paesi arabi: la risposta a Benjamin Netanyahu

Abu Mazen ha fatto appello ai leader dei paesi arabi per un vertice d'emergenza a seguito del discorso di Benjamin Netanyahu
Abu Mazen ha fatto appello ai leader dei paesi arabi per un vertice d'emergenza a seguito del discorso di Benjamin Netanyahu Diritti d'autore AP Photo/Ilan Assayag
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il leader dell'Anp, Abu Mazen, ha chiesto un vertice d'emergenza ai paesi arabi per "fermare questa brutale aggressione". Il suo appello fa seguito al discorso televisvo di Benjamin Netanyahu in cui il presidente israeliano ha invocato la "seconda guerra d'indipendenza"

PUBBLICITÀ

II leader palestinese Abu Mazen ha fatto appello ai leader dei paesi arabi per un vertice d'emergenza per fermare "fermare questa brutale aggressione" a Gaza e per "fare tutto il possibile per permettere al nostro popolo di rimanere nella sua terra".

Le parole del leader dell'Anp, autorità nazionale palestinese, fanno seguito al primo discorso televisivo dal 7 ottobre di Bejamin Nenanyahu. Il presidente israeliano ha dichiarato che il suo paese inizierà "la seconda guerra di indipendenza" con l'offensiva di terra e intensificando gli attacchi aerei. Lo scopo dichiarato è quello di sconfiggere Hamas e recuperare gli ostaggi israeliani.

Abu Mazen ha richiesto un vertice d'emergenza dei paesi arabi per far fronte all'invasione di Gaza
Abu Mazen ha richiesto un vertice d'emergenza dei paesi arabi per far fronte all'invasione di GazaAFP
Benjamin Netanyahu nel suo primo discorso televisivo dal 7 ottobre
Benjamin Netanyahu nel suo primo discorso televisivo dal 7 ottobreAbir Sultan/ABIR SULTAN

Le prime truppe di terra dell'Idf sono entrate Gaza venerdì notte quando Israele aveva quasi tagliato del tutto la connessione internet e l'elettricità bloccando di fatto le telecomunicazioni dalla Striscia. 

Elon Musk aveva messo a disposizione il suo Starlink per permettere alle organizzazioni umanitarie a Gaza di avere accesso alla rete internet. Però il ministro delle Comunicazioni del Paese, Shlomo Karhi, ha scritto su X: "Hamas lo userà per attività terroristiche, e Musk lo sa", e ha dichiarato che il suo ufficio "taglierà ogni legame con Starlink".

Le comunicazioni telefoniche e internet hanno ripreso a funzionare nella Striscia domenica mattina, secondo quanto riferisce il gruppo di monitoraggio delle reti Netblocks. 

Intanto le forniture umanitarie scarseggiano. La Mezzaluna Rossa Palestinese ha dichiarato che la quantità di aiuti entrati a Gaza soddisfa solo il tre per cento circa delle esigenze del settore medico e, sempre secondo fonti palestinesi, il bilancio dei morti ha superato le 7700 vittime.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Hamas propone uno scambio di ostaggi. Israele: "terrorismo psicologico"

Gaza, Hrw: Israele non sta rispettando la sentenza della Corte dell'Onu sugli aiuti umanitari

Gaza: si dimette il primo ministro dell'Anp, "intesa" sui punti principali per un cessate il fuoco