Svezia-Nato riparte da Ankara: Erdoğan firma il protocollo di adesione

Erdoğan al Parlamento turco. (Ankara, 23.10.2023)
Erdoğan al Parlamento turco. (Ankara, 23.10.2023) Diritti d'autore Francisco Seco/AP
Di Cristiano TassinariEuronews World - Agenzie internazionali
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo decenni di neutralità e in seguito allo scoppio della guerra in Ucraina, la Svezia ha deciso di aderire alla Nato, e lo farà probabilmente nel 2024. A precederla, nell'aprile di quest'anno, è stata la Finlandia, altro paese storicamente neutrale

PUBBLICITÀ

Ad Ankara, la Svezia compie un passo da gigante nel cammino verso la Nato.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan (69 anni) ha consegnato al Parlamento il protocollo di ratifica dell'ingresso della Svezia, tanto criticata negli ultimi anni da Erdoğan soprattutto per l'accoglienza data ai curdi, considerati terroristi dalla Turchia..

Dopo mesi di blocco e pressioni da parte dei suoi partner della Nato, Erdoğan ha firmato il protocollo e lo ha sottoposto al Parlamento, di fatto ufficializzando il "Sì" alla Svezia nella Nato, dopo che il governo svedese - da parte sua - ha corretto il tiro su alcune questioni, che stanno a cuore alla Turchia: da una politica non più filo-curda fino alla vicenda dei roghi del Corano.

Rimproveri e critiche

Il Parlamento turco ad Ankara. (23.10.20239
Il Parlamento turco ad Ankara. (23.10.20239Screenshot

Per anni, infatti, la Turchia ha rimproverato alla Svezia di aver accolto attivisti e simpatizzanti della guerriglia curda, di aver ignorato le richieste di estradizione e di non aver posto fine ai roghi del Corano, un fenomeno dilagato negli ultimi anni, con numerosi episodi verificatisi in diverse città della Svezia. 

E il governo svedese ha dovuto apportare alcune modifiche normative su questi temi "caldi". 

L'ultimo passo in avanti per la Svezia è giunto dal Parlamento di Ankara. Da settimane, ormai, Erdoğan affermava che tutto dipendeva da "alcune concessioni da parte di Washington". 
Molti analisti ritengono che si tratti dello sblocco, da parte del Congresso american, della vendita dei caccia F-16 all’esercito turco.

Svezia e Finlandia hanno abbandonato decenni di neutralità e hanno chiesto di aderire alla Nato subito dopo l’invasione russa dell’Ucraina.
La Finlandia è entrata nella Nato nello scorso aprile.
La Svezia ne seguirà presto le orme, probabilmente già nel 2024.

Euronews racconta

Chi ha paura di Rasmus Paludan, l'uomo che brucia il Corano?
Servizio del 16.4.2023

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svezia nella Nato: l'Ungheria non frena (quasi) più, il primo ministro svedese incontra Orbán

Stoltenberg: "Iran e Hezbollah non aumentino le tensioni in Medio Oriente"

"La Svezia presto nella Nato", ribadisce Stoltenberg al Parlamento europeo