EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'Occidente è stanco della guerra?

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ispeziona le attrezzature militari da consegnare all'Ucraina
Il primo ministro britannico Rishi Sunak ispeziona le attrezzature militari da consegnare all'Ucraina Diritti d'autore Stefan Rousseau/WPA Rota
Diritti d'autore Stefan Rousseau/WPA Rota
Di Mihhail Salenkov
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in russo

L'invasionedell'Ucraina da parte della Russia è avvenuta più di un anno e mezzo fa. I paesi occidentali hanno fornito aiuti finanziari e militari a Kiev promettendo di sostenere gli ucraini per tutto il tempo necessario. C'è stanchezza da guerra in Occidente, come dice il Cremlino?

PUBBLICITÀ

Secondo un sondaggio di ottobre condotto dall’Istituto internazionale di sociologia di Kiev, è raddoppiato il numero degli ucraini che ritiene che l’Occidente sia stanco della guerra e che vuole che Kiev negozi con Mosca.

Nel nuovo studio i sociologi ucraini hanno scoperto cosa pensano i cittadini ucraini riguardo a una delle principali narrazioni propagandistiche del Cremlino e cioè che "l’Occidente è stanco della guerra".

La percentuale di ucraini che crede che il sostegno agli alleati stia diminuendo e vorrebbero che Kiev avviasse i negoziati con Mosca è aumentata dal 15% di settembre 2022 al 30% di dicembre dello stesso anno.

Il 63% degli ucraini ritiene che il sostegno da parte dell'Occidente rimanga forte, ma la percentuale di coloro che la pensano diversamente è raddoppiata
Il 63% degli ucraini ritiene che il sostegno da parte dell'Occidente rimanga forte, ma la percentuale di coloro che la pensano diversamente è raddoppiataКМИС

La tesi della “stanchezza occidentale” è stata recentemente ribadita dal portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

"Abbiamo più volte detto in precedenza che, secondo le nostre previsioni, la stanchezza per questo conflitto, la stanchezza per il sostegno completamente assurdo del regime di Kiev aumenterà in vari paesi, compresi gli Stati Uniti", ha dichiarato Peskov all'inizio di ottobre.

La maggior parte degli Ucraini – più del 60% – rimane convinta che il sostegno occidentale sia forte, sostegno che, secondo gli esperti, difficilmente si indebolirà nei prossimi mesi.

"Il presidente Biden ha altri sette mesi per continuare a sostenere l'Ucraina, e lo ha dichiarato. Gli Stati Uniti stanno fornendo all'Ucraina un serio sistema d'armi. Non ci sarà alcun cambiamento qui", ha detto Judy Dempsey del Carnegie Europe Center ed caporedattrice del blog Strategic Europe.

Secondo Dempsey il sostegno di Bruxelles a Kiev è rimasto incrollabile dal febbraio 2022 quando è iniziata l’invasione russa su vasta scala. L’UE è pronta a continuare a fornire assistenza finanziaria, politica e militare a Kiev.

"La sensazione che la guerra sia in corso da tempo c'è sicuramente tra gli Stati membri. Ma non mi sembra che questa stanchezza sia radicata abbastanza in profondità ed è così diffusa che gli europei dicono: 'Basta, negoziamo'", nota l'esperta.

La sconfitta dell'Ucraina nella guerra contro la Russia potrebbe compromettere seriamente in futuro la struttura della sicurezza in Europa, afferma Maximilian Hess, ricercatore presso l'American Institute for Foreign Policy Studies, autore del libro "Economic War. Ukraine and the Global Conflict between Russia and l'ovest".

"È importante capire qual è la posta in gioco in questo conflitto: non è solo il sistema di sicurezza europeo e la probabilità di una nuova aggressione russa, ma anche il sistema economico e politico che gli ucraini stanno lottando per riformare. Stanno combattendo per il diritto unirsi ai vicini europei. Questo è un conflitto in cui vale la pena sostenere l’Ucraina, perché l’alternativa, in cui Putin vince e distrugge questo paese, porterà non solo alla distruzione del paradigma di sicurezza europeo, ma anche alla distruzione politica e paradigma economico dell’intera Europa", è convinto Hess.

Secondo l'esperto nei prossimi mesi gli ucraini non dovrebbero temere che l'aiuto dell'Europa e degli Stati Uniti diminuirà significativamente o scomparirà del tutto.

"L'Ue ha distribuito il sostegno in modo abbastanza saggio. Sarà fornito per un periodo piuttosto lungo, dato il modo in cui è strutturato. Negli Stati Uniti ci saranno ancora molte lotte politiche interne sugli aiuti all'Ucraina. Ma almeno fino a quando alle elezioni presidenziali, fino al novembre 2024, resterà forte", ritiene Hess.

"Non vi è alcuna possibilità di porre fine alla guerra in tempi brevi."

L'invasione su vasta scala dell'Ucraina da parte dell'esercito russo è iniziata lo scorso febbraio. La guerra va avanti da più di un anno e mezzo. Né Kiev né Mosca sono ora pronte a sedersi al tavolo delle trattative, insistendo sulle proprie condizioni.

PUBBLICITÀ

Il Cremlino afferma che "l'operazione speciale continuerà finché i suoi obiettivi non saranno raggiunti".

La leadership ucraina non ritiene possibile il dialogo "finché le truppe di occupazione saranno sul territorio del Paese".

"Non stiamo nemmeno pensando a compromessi territoriali. Per l'Ucraina non c'è differenza tra la regione di Donetsk e quella di Leopoli, la regione di Chernihiv e la Crimea, Kiev e Sebastopoli", ha ricordato Ruslan Stefanchuk, presidente della Verkhovna Rada, intervenendo alla conferenza internazionale " Crimea globale. Comprendere l'Ucraina attraverso il sud."

🇺🇦🇪🇺 Європейський парламент сьогодні підтримав своїм голосуванням у першому читанні ініціативу Європейської комісії щодо...

Posted by Ruslan Stefanchuk on Tuesday, October 17, 2023

"A questo punto, non vedo la possibilità di porre fine a questa guerra", ha detto Judy Dempsey.  Gli ucraini non sono pronti a negoziare alcun accordo di pace che non tenga conto della preservazione dell'integrità territoriale del paese, e abbiamo sentito dire dal Cremlino che non vogliono il dialogo neanche lì. La domanda sorge spontanea: se nessuna delle due parti è disposta a negoziare, se la guerra si trascina e sempre più persone muoiono, dovrebbe esserci un mediatore che possa davvero riunire le due parti? Ma al momento non esiste alcun mediatore.

PUBBLICITÀ

La pace potrà essere raggiunta solo quando le persone al potere in Russia non potranno più continuare la guerra, ne è convinto Maximilian Hess.

"Secondo me non c'è alcuna possibilità di porre fine alla guerra nel prossimo futuro perché Vladimir Putin non mostra alcun interesse in tal senso. È stato il Cremlino nel 2014 a dare inizio a questo conflitto, che si è trasformato in una guerra su vasta scala nel 2022. Pace sarà possibile solo quando il Cremlino non sarà più in grado o non vorrà più combattere", ritiene Hess.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Biden chiede al Congresso "aiuti urgenti" per l'Ucraina. Medvedev: "Un pazzo"

Ucraina, verso bando chiesa ortodossa di Mosca. Ancora raid russi su Kherson

Ucraina, morti e feriti a Zaporizhzhia