EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La Polonia al bivio

Image
Image Diritti d'autore Czarek Sokolowski/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Czarek Sokolowski/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Probabil che dalle urne uscirà una coalizione. Nessun partito sembra avere la forza di sparigliare le carte

PUBBLICITÀ

Il 15 ottobre i cittadini polacchi decideranno se restare con il governo conservatore o farsi guidare dalle opposizioni più liberali.

Nessuno dei due maggiori partiti, Diritto e Giustizia o Piattaforma Civica, sembra in grado di ottenere la maggioranza per governare da solo. Quindi, molto probabilmente, sarà il terzo partito più popolare a decidere il nuovo percorso della Polonia dopo le elezioni. Euronews ha chiesto ai rappresentanti dei tre partiti che hanno la possibilità di entrare in una coalizione di governo le loro simpatie e priorità.

Così Michal Kobosko di Terza Via: La Polonia è a un bivio: o andiamo in una direzione, verso un'Europa comune, o diventiamo un paese isolato, quindi è fondamentale ciò che accadrà in queste elezioni. Questo è il nostro obiettivo per gli ultimi giorni di campagna elettorale: affinché il 15 ottobre si possa dire che la Polonia ritorna in Europa. Si tratta anche di ristabilire lo Stato di diritto in Polonia, si tratta di migliorare la qualità dei servizi pubblici, che sono a un livello terribilmente basso. Di migliorare l'istruzione, l'assistenza sanitaria. Si tratta di proteggere gli imprenditori polacchi .

La Terza Via prevede una coalizione con la Piattaforma Civica, così come con la Nuova Sinistra. Uno dei possibili scenari nelle prossime elezioni è che tutti questi tre partiti formino insieme un nuovo governo in Polonia, che si opporrà all’attuale esecutivo.

Dice Agata Diduszko-Zyglewska di Nuova Sinistra: Innanzitutto, ovviamente, ci sediamo al tavolo con la Coalizione Civica e la Terza Via e stabiliamo un piano d'azione con cui iniziare, e questo aiuterà. Includeremo certamente il ripristino dello Stato di diritto. Saremo certamente i guardiani dei diritti delle donne, della separazione tra Stato e Chiesa. Si tratta di questioni fondamentali che hanno portato centinaia di migliaia di persone in strada e che influiscono direttamente sulla sicurezza, la salute e la libertà dei cittadini polacchi, quindi noi siamo la garanzia che tutto ciò non verrà messo da parte, che ciò avverrà in una coalizione governo.

Konfederacja è un partito conservatore all'opposizione. Gli analisti ipotizzano che il partito possa decidere di formare un governo congiunto con il partito Diritto e Giustizia, ma si tratterebbe di una coalizione difficile a causa delle differenze di programma, soprattutto per quanto riguarda le finanze. Il partito stesso esclude uno scenario del genere.

Afferma Krzysztof Bosak, Konfederacja: Siamo a favore della libertà economica; di tasse semplici e basse; meno regolamentazione; bisogna gestire i nostri soldi e non prenderli per il bilancio dello stato. Siamo pro-imprenditorialità e cristiani. Non vediamo la possibilità di attuare le nostre idee programmatiche né con i partiti Diritto e Giustizia né con i partiti Piattaforma Civica, quindi prevediamo che probabilmente saremo all'opposizione dopo le elezioni.

Dice la nosra inviata Magdalena Chodownik, euronews: Oggi il risultato elettorale è ancora difficile da prevedere, ma tutto sembra indicare che una buona cooperazione all'interno della coalizione determinerà la stabilità del futuro governo. Magdalena Chodownik, per Euronews, da Varsavia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni Iran, ballottaggio per presidente: uno tra Pezeshkian e Jalili al posto del defunto Raisi

Porto Rico: una organizzazione vorrebbe la riunificazione con la Spagna

Elezioni francesi: al primo turno i sondaggi suggeriscono la vittoria della destra