EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

A Milano boom di centenari, da 64 a 672 in trent'anni

L'indagine di Fondazione per la Sussidiarietà
L'indagine di Fondazione per la Sussidiarietà
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 05 OTT - A Milano negli ultimi 30 anni, dal 1992 ad oggi, i residenti con oltre 100 anni di età sono passati da 64 a 672, con un aumento di oltre dieci volte. Lo rivela un'analisi della Fondazione per la Sussidiarietà, illustrata a Milano alla presentazione del libro thriller 'Longevità fatale', presso la libreria Hoepli. A trainare la crescita dei centenari meneghini, come spiega un comunicato, sono soprattutto le donne, che a inizio 2023 erano 576 (circa l'86% del totale), rispetto a 128 di inizio secolo. Gli uomini con oltre 100 anni sono 96 (14%), rispetto a1 23 presenti nel 2000. Oggi a Milano, secondo l'indagine c'è un centenario ogni 2.041 abitanti, un' incidenza che supera tutte le altre grandi città italiane. Infatti a Roma sono uno ogni 2.114 abitanti, a Torino uno ogni 2.363 abitanti, a Napoli uno ogni 3.160 abitanti. Solo 30 anni fa i centenari erano una rarità: appena uno ogni 21.000 abitanti. La popolazione residente, nel frattempo è rimasta stabile, intorno a 1 milione e 370.000. L'incremento dei centenari è legato alle migliori condizioni di vita, di alimentazione, cura e igiene personale e ai progressi della medicina. "Siamo orgogliosi che Milano accolga tanti cittadini e cittadine over 100. La crescita della popolazione anziana obbliga a ripensare la città in un'ottica multidisciplinare, così da rispondere in maniera efficace alle istanze di cittadine e cittadini maturi", ha commentato il sindaco di Milano Giuseppe Sala. "La crescente longevità è una nuova grande sfida per garantire servizi e assistenza ai cittadini fragili, impegno che non può venire meno in una grande democrazia - afferma Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà -. In tempi difficili per la finanza pubblica, i bisogni di cura possono essere affrontati grazie a un'alleanza tra pubblico e privato social e diventare un'occasione per rafforzare la coesione sociale del territorio". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 17 luglio - Serale

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi

Berlino: una mostra per ricordare le donne della resistenza contro il nazismo