EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Corte penale internazionale, Erevan ratifica lo Statuto di Roma

Corte penale internazionale, Erevan ratifica lo Statuto di Roma
Diritti d'autore Aziz Karimov/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Aziz Karimov/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La sessione del parlamento armeno è stata trasmessa in diretta dai media locali

PUBBLICITÀ

Il parlamento armeno ha ratificato lo Statuto di Roma, il trattato che istituisce la Corte penale internazionale (Cpi). 

La sessione parlamentare è stata trasmessa in diretta dai media locali.

"Sessanta deputati hanno votato a favore della ratifica, 20 contro. La decisione è stata presa", ha annunciato il presidente del parlamento, Alen Simonyan.

Il voto ha sollevato le critiche di Mosca, tradizionale alleato di Erevan, con cui le relazioni si sono ultimamente inasprite.

 La Russia non vede di buon occhio l'adesione alla Cpi anche per via del mandato di arresto spiccato contro il presidente Vladimir Putin spiccato dalla stessa Corte in primavera.

Un voto che conta in Armenia

Eghiche Kirakosian, funzionario armeno responsabile per gli Affari di giustizia internazionale, prima del voto commentava che l'adesione alla Cpi "crea ulteriori garanzie per l'Armenia" contro l'Azerbaigian, che ha appena ottenuto una fulminea vittoria militare, ponendo fine al separatismo armeno del Nagorno-Karabakh.

La ratifica garantirebbe "ci garantirebbe nel caso di una eventuale invasione dell'Armeniail caso ricadrebbe  sotto la giurisdizione della Corte penale internazionale", il che pensiamo possa avere un "effetto deterrente", ha sottolineato ancora Kirakosian.   

Giovedì scorso  il Cremlino aveva giudicato "estremamente ostile" il solo fatto di prendere in considerazione l'adesione.

"Speriamo ovviamente che queste decisioni non abbiano un impatto negativo sulle nostre relazioni bilaterali", aveva aggiunto il portavoce del presidente russo Dmitri Peskov.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: giustiziato con l'azoto Kenneth Smith, prima volta nel Paese

In Armenia la crisi dei rifugiati rischia di provocare una crisi politica