EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Zelensky all'Onu: "No al diritto di veto della Russia". Lavrov: "Strumento legittimo"

Volodymyr Zelensky al Consiglio di Sicurezza dell'Onu. (New York, 20.9.2023)
Volodymyr Zelensky al Consiglio di Sicurezza dell'Onu. (New York, 20.9.2023) Diritti d'autore Telegram
Diritti d'autore Telegram
Di Cristiano TassinariEuronews World
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente ucraino e il ministro degli Esteri russo si evitano al Palazzo di Vetro: il duello di Lavrov è stato con Blinken. Ma a Zelensky giungono pressioni per iniziare colloqui di pace concreti

PUBBLICITÀ

No al diritto di veto della Russia.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato, alla riunione straordinaria del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che "il veto russo rende inefficace ogni azione dell'Onu".

Il giorno dopo essersi rivolto di persona all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Zelensky ha proposto "azioni specifiche" che dovrebbero essere attuate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, compreso il ritiro completo delle truppe russe e la garanzia che l’Ucraina abbia un controllo effettivo su tutti i suoi confini nazionali.
Ma per raggiungere questo obiettivo la Carta delle Nazioni Unite deve cambiare.

Telegram
Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu. (New York, 20.9.2023)Telegram

Zelensky: "Il Consiglio di Sicurezza deve superare il veto"

"L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite dovrebbe avere un potere reale per superare il veto. Questo sarà il primo passo necessario se fosse impossibile fermare la guerra, perché tutti gli sforzi sono soggetti al veto dell'aggressore o di coloro che condonano l'aggressore". 

Ted Shaffrey/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Uno scatto "rubato" a Zelensky. (New York, 20.9.2023)Ted Shaffrey/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Lavrov: "Il veto è uno strumento legittimo"

il mondo intero si attendeva uno scontro in aula tra il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov e lo stesso Zelensky, ma i due non si sono incontrati: Zelensky se n'è andato dal Palazzo di Vetro prima dell'arrivo di Lavrov, che ha affrontato direttamente la questione del veto russo:

"L'approccio della Russia a tutte le questioni all'ordine del giorno resta aperto, non abbiamo nulla da nascondere e non è difficile esprimere ancora una volta questa posizione. Inoltre, il diritto di veto è uno strumento assolutamente legittimo che è previsto nella Carta per impedire l’adozione di decisioni che dividerebbero l’organizzazione”.

Mary Altaffer/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Serghei Lavrov all'Onu. (New York, 20.9.2023)Mary Altaffer/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Pressioni su Zelensky

Sebbene il Segretario Generale dell'Onu, il portoghese António Guterres, abbia ribadito che l’invasione russa dell’Ucraina è una chiara violazione della carta delle Nazioni Unite, Zelensky ha subito pressioni da parte di alcuni membri del Consiglio di Sicurezza, inclusa la Cina, affinché si impegni in negoziati concreti per porre fine alla guerra.

Ma la questione della Crimea e delle regioni annesse dalla Russia durante la guerra sembrano ostacoli insormontabili. 

La notizia che la Polonia ha deciso di non inviare più armi all'Ucraina, però, non è un buon segno per Zelensky. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grandi risultati per Zelensky: missili americani Atacms per l'Ucraina. E aiuti militari dal Canada

Assemblea Generale Onu: il "no, grazie" di molti leader mondiali

L'Assemblea Onu approva risoluzione per riconoscere lo Stato Palestinese