EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Nagorno-Karabakh, al via i colloqui per la resa. Migliaia di civili lasciano l’enclave.

Un uomo arrestato a Erevan, in Armenia, durante le proteste anti-governative
Un uomo arrestato a Erevan, in Armenia, durante le proteste anti-governative Diritti d'autore KAREN MINASYAN/AFP or licensors
Diritti d'autore KAREN MINASYAN/AFP or licensors
Di Andrea Barolini
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Preoccupazione per la sorte degli armeni residenti nel Nagorno-Karabakh, dopo un accordo per il cessate il fuoco che ha portato alla resa delle milizie separatiste

PUBBLICITÀ

Dopo le armi ora si punta sul dialogo. In Azerbaigian si cerca di trattare dopo che Baku ha ripreso il controllo del Nagorno-Karabakh, territorio separatista a maggioranza etnica armena.

A Yevlak sono iniziati i colloqui per la reintegrazione nel Paese. Allo stesso tavolo si sono seduti rappresentanti del governo azero e dei separatisti dell'autoproclamata Repubblica dell'Artsakh.   

Mentre migliaia di persone stanno abbandonando le proprie case, le autorità di Stepanakert hanno dichiarato di aver accettato il cessate il fuoco proposto dal contingente russo di mantenimento della pace nella regione

L’Azerbaigian havendicato il pieno controllo sulla regione separatista del Nagorno-Karabakh dopo che le forze armene locali hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per deporre le armi. L'intesa prevede infatti lo scioglimento e il completo disarmo delle milizie presenti nella regione, assieme all'avvio di negoziati tra gli armeni dell'enclave e le autorità di Baku, in merito al reintegro del Nagorno-Karabakh nel territorio azero. 

L'Azerbaigian: "Ristabilita la nostra sovranità"

Tali colloqui dovrebbero iniziare a breve. Nel frattempo, l'Azerbaigian ha manifestato soddisfazione, affermando di aver "ristabilito la propria sovranità" territoriale. Mentre l'accordo, di fatto, sancisce la fine della speranza dei 120mila armeni,che vivono nella regione, di ottenere l'indipendenza

Il capo di Stato azero, Ilham Aliyev, ha aggiunto che la maggior parte delle armi e delle infrastrutture militari dei separatisti sono state distrutte e che ora le milizie stanno lasciando la regione per riparare in Armenia. Il comando dei circa duemila peacekeeperrussi schierati nella regione in base agli accordi che posero fine al conflitto dell'autunno 2020 ha fatto da mediatore per il cessate il fuoco. 

Mosca: "Gli armeni del Nagorno-Karabakh? Un affare interno azero"

Tuttavia, ora Mosca è accusata di essersi aver abbandonato gli armeni del Nagorno-Karabakh. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha respinto tali affermazioni bollandole come "assolutamente infondate", ma ha riconosciuto al contempo che le sorti del Nagorno-Karabakh sono "un affare interno dell'Azerbaigian".

Le forze russe hanno fatto sapere inoltre di avere già evacuato oltre 3.100 persone, di cui quasi la metà bambini. Molte altre migliaia di civili armeni potrebbero decidere di fuggire, ma Peskov ha negato che sia in atto da parte degli azeri un "pulizia etnica". Il presidente russo Vladimir Putin - che in serata ha avuto un colloquio telefonico con il primo ministro armeno Nikol Pashinyan - ha affermato che Mosca è in contatto con tutte le parti in causa, e ha auspicato una "de-escalation", affinché la questione possa essere "risolta pacificamente". 

Il primo ministro Pashinyan chiede alla Russia di garantire i diritti degli armeni

Intanto, migliaia di armeni del Nargorno-Karabakh si sono riversati in un campo gestito dalle forze di pace russe. E Pashinyan ha fatto sapere di ritenere le truppe di peacekeeping pienamente responsabilidella loro sicurezza. "Se le forze di pace hanno proposto un accordo, significa che accettano completamente e senza alcuna riserva la responsabilità di garantire la sicurezza degli armeni della regione e di fornire loro le condizioni e i diritti affinché possano vivere in sicurezza nella loro terra e nelle loro case".

Nel frattempo Aliyev ha elogiato le posizioni assunte dagli armeni. "Ieri e oggi, la leadership armena, sorprendentemente, ha dimostrato una lungimiranza politica inaspettata. Apprezziamo questo e lo consideriamo un fattore importante." Tuttavia, migliaia di persone hanno protestato nella capitale armena, Erevan, accusando il proprio governo di aver tradito gli armeni nel Nagorno-Karabakh.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nagorno-Karabakh, parte la consegna di cibo e medicinali

Nagorno Karabakh, l'Onu invita le parti al dialogo, proteste in Armenia

Cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh, l'Armenia non ha partecipato alla stesura dell'accordo