EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Ucraina, i postini lavorano sotto le bombe e con i giubbotti antiproiettile

La consegna della posta in Ucraina
La consegna della posta in Ucraina Diritti d'autore CT / EBU
Diritti d'autore CT / EBU
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Donetsk, posta consegnata sotto le bombe. Le storie dei postini che continuano a lavorare accompagnati dai soldati

PUBBLICITÀ

Nonostante i bombardamenti, la distribuzione della posta continua nelle città della regione di Donetsk.
I postini lavorano regolarmente, ma sono sempre accompagnati dai soldati. La guerra ha cambiato molto il loro lavoro. 

I postini arrivano coi blindati

Anna, ad esempio, ha consegnato la posta per 15 anni a Bakhmut, ora occupata, e mai avrebbe pensato di dover indossare un giubbotto antiproiettile per andare a lavorare: "Ognuno combatte sul proprio fronte ora. E il nostro è qui" spiega.

I postini si recano regolarmente a Chasiv Yar nella regione di Donetsk.

I normali mezzi postali sono sostituiti da quelli blindati e loro sono costretti a lavorare a un ritmo più che sostenuto: prendono in consegna la posta, pagano le pensioni, a volte portano del cibo.

Anche per queste brevi visite, i residenti della cittadina sono grati: "Siamo ovviamente contenti. Ci portano cibo, ci portano soldi" dice Anatoliy.

Lavorare sotto le bombe

Ad ogni visita postale, la situazione si rivela sempre più deteriorata: il numero di case distrutte in città aumenta e, di conseguenza, il numero di abitanti diminuisce.

Zinaida, anche lei residente a Chasiv Yar, plaude al coraggio di chi ancora consegna loro la posta: "Vengono in un posto come questo! Devono essere coraggiosi per venire qui"

Anna spiega che, come tutti, anche lei ha paura, ma continua a fare quello che deve fare: "Cerchiamo di capire se gli attacchi sono lontani o vicini. Quando sono vicini, saliamo in macchina e ce ne andiamo".

Il punto di arrivo dei postini è determinato operativamente dai soldati che monitorano costantemente la situazione.

I servizi postali europei hanno sospeso le spedizioni nelle zone di guerra, verso la Russia e anche soprattutto in Ucraina, per ragioni di sicurezza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mosca bombarda ancora obiettivi civili in Ucraina

Guerra in Ucraina: almeno 9 morti e 29 feriti nel raid russo a Kryvyj Rih, la città di Zelensky

Guerra in Ucraina: nel Donetsk ordinata l'evacuazione dei bambini, la Russia avanza su Chasiv Yar