EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Assistenza medica agli immigrati irregolari, Helsinki contro il governo di destra finlandese

Immagine composita che mostra il centro di Helsinki, la bandiera finlandese e il premier finlandese Petteri Orpo
Immagine composita che mostra il centro di Helsinki, la bandiera finlandese e il premier finlandese Petteri Orpo Diritti d'autore Euronews Graphistes
Diritti d'autore Euronews Graphistes
Di David Mac Dougall
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La mossa del governo di destra contro gli immigrati senza documenti ha scatenato la resistenza dell'amministrazione della capitale, ma anche quella degli operatori sanitari.

PUBBLICITÀ

Helsinki potrebbe diventare una "città rifugio", mentre il nuovo governo di destra continua a reprimere gli immigrati irregolari.

L'ultima mossa del governo di coalizione del primo ministro Petteri Orpo, che include il partito di estrema destra anti-immigrati dei finlandesi, prevede la revoca della legislazione introdotta all'inizio dell'anno dall'ex premier Sanna Marin, che imponeva alle autorità locali di fornire assistenza sanitaria di base gratuita agli immigrati privi di documenti, ovunque si trovassero nel Paese.

Ora, il nuovo governo si appresta ad annullare quella legge, lasciando alle città la possibilità di decidere se continuare a curare da sole i migranti che non hanno il diritto legale di stare nel Paese e di accedere al sistema sanitario pubblico.

Questo provvedimento fa parte di un nuovo pacchetto di misure volte a creare un "ambiente ostile" per gli immigrati, tra cui la riduzione dell'accesso ai servizi sociali e ai sussidi e la possibilità di deportarli in un Paese terzo se non possono tornare nel loro Paese d'origine.

La capitale finlandese e alcune altre città hanno giurato di continuare a curare le persone prive di documenti che hanno bisogno di assistenza medica, indipendentemente da ciò che vuole il governo.

"Riteniamo che sia davvero importante aiutare queste persone e vogliamo difendere l'uguaglianza", spiega Pipsa, infermiera volontaria presso la Global Clinic di Helsinki, dove i migranti senza documenti possono ricevere cure sanitarie di base, compreso il primo soccorso.

David Mac Dougall
Il nuovo governo sta abrogando la legislazione del precedente esecutivo, guidato da Sanna Marin.David Mac Dougall

In generale, i numeri non sono enormi: la Global Clinic tratta ogni anno circa 300 migranti privi di documenti.

Potrebbe trattarsi di richiedenti asilo la cui domanda è stata respinta, ma che non hanno ancora lasciato il Paese; di cittadini dell'Ue, soprattutto rumeni o bulgari, che si trovano nel Paese da più di 90 giorni e non hanno regolarizzato il loro soggiorno; o di qualsiasi cittadino dell'Ue che non ha un'assicurazione o non ha ancora ottenuto l'accesso al sistema sanitario pubblico finlandese, che in alcuni casi può richiedere mesi o addirittura anni.

"È importante che ogni migrante privo di documenti abbia gli stessi diritti, immaginate una donna incinta che ha bisogno di un controllo o di far nascere il bambino, e in alcune città le donne incinte e i bambini hanno avuto difficoltà a farsi curare", afferma l'infermiera Pipsa.

"Avevamo grandi speranze che con questa legislazione [dell'era Marin] le cose sarebbero cambiate, ma ora siamo davvero delusi dal fatto che inizieranno a abrogare la legislazione", dice a Euronews.

La gamma di servizi disponibili per i migranti senza tessera sanitaria è piuttosto limitata e molte patologie non sono comprese. Mal di testa, mal di schiena, malattie della pelle, pressione alta e monitoraggio del diabete sono tra i disturbi più comuni che portano le persone alla clinica gratuita di Helsinki, dove ricevono assistenza da traduttori in arabo, bulgaro e rumeno e in altre lingue su richiesta.

"È abbastanza economico sottoporsi a questi controlli di base, ma se non si ricevono cure e farmaci e le cose peggiorano, quando un paziente deve andare al pronto soccorso o essere ricoverato in ospedale i costi saranno molto più alti", dice Pipsa.

"Quindi non solo si risparmia ad avere questi servizi sanitari di base gratuiti, ma che a lungo andare costerà di più non averli, e la gente ne soffrirà", aggiunge.

David Mac Dougall
Una farmacia nella città finlandese EspooDavid Mac Dougall

Al Comune di Helsinki, la decisione di continuare a fornire servizi gratuiti potrebbe mettere l'amministrazione in rotta di collisione con il governo nazionale. Sia il sindaco di Helsinki che il vicesindaco responsabile dell'assistenza sanitaria appartengono al partito di coalizione nazionale del primo ministro Orpo, noto a livello locale come Kokoomus, e ora stanno andando contro la volontà del premier su questo tema.

"È vero che anche all'interno del Kokoomus ci sono opinioni diverse", spiega a Euronews il vicesindaco Daniel Sazonov.

"Non è la prima volta, indipendentemente dai partiti rappresentati nella coalizione di governo, che Helsinki ha una propria politica che differisce da quella nazionale", aggiunge.

Sazonov afferma che è suo "dovere" servire la popolazione di Helsinki "nel miglior modo possibile".

"Questi possibili cambiamenti nella legislazione comporteranno ovviamente che i servizi sociali, la sanità e i dipartimenti di soccorso di Helsinki dovranno pagare questi servizi di tasca propria", come stanno facendo dal 2017, "ma dal punto di vista finanziario questo non è un problema significativo", spiega.

PUBBLICITÀ

La decisione di fornire assistenza sanitaria di base agli immigrati è, secondo Sazonov, "una scelta facile", perché i costi sono ragionevoli e Helsinki è in grado di gestire la questione da sola. Il sindaco sottolinea anche l'accordo politico del Consiglio comunale di Helsinki per continuare a fornire questi servizi.

Tuttavia, oltre alle critiche degli avversari politici a livello nazionale, la mossa del governo di ridurre i diritti sanitari ha attirato le ire dell'Associazione medica finlandese, secondo cui questa decisione è in completa contraddizione con l'annuncio di volere lavorare con determinazione per promuovere l'uguaglianza e la non discriminazione nella società.

Daniel Sazonov
Il sindaco di Helsinki Daniel SazonovDaniel Sazonov

I migranti si trasferiranno a Helsinki per l'assistenza sanitaria?

Poiché molte città finlandesi non forniscono servizi sanitari gratuiti di base agli immigrati irregolari, o stanno per interromperli, si teme che Helsinki sia considerata una "città rifugio" per le cure mediche.

Negli Stati Uniti, questo termine indica un luogo sicuro dove gli immigrati privi di documenti possono recarsi, sapendo che le autorità locali non collaboreranno con il governo nazionale per far rispettare le leggi sull'immigrazione.

Sebbene la situazione in Finlandia sia diversa, perché i professionisti del settore medico non hanno l'obbligo di contattare le autorità per l'immigrazione in merito allo status legale di una persona nel Paese, alcuni si aspettano un maggiore afflusso di migranti nelle città che garantiscono loro assistenza sanitaria gratuita.

PUBBLICITÀ

"Le ricerche dimostrano che l'accesso all'assistenza sanitaria non è la ragione principale per cui le persone cambiano residenza, ma è importante che le persone possano ricevere assistenza sanitaria nel luogo in cui si trovano", spiega l'infermiera Pipsa della Global Clinic.

"Ma le persone inizieranno a pensare a dove andare. La nostra linea telefonica ha già ricevuto chiamate da tutta la Finlandia, dalla Lapponia e dalla Finlandia centrale, quindi ci sono molti migranti senza documenti fuori dall'area della capitale, senza una legislazione che si occupi di loro".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Baltico: la revisione dei confini marittimi, "provocazione deliberata" del Cremlino

La Finlandia chiude a tempo indeterminato i valichi di frontiera con la Russia

Finlandia, patto di sicurezza con l'Ucraina: è l'ottavo membro Nato a dare garanzie a Kiev