EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Ucraina, almeno sette morti e 67 feriti in un attacco missilistico russo nel Donetsk

Image
Image Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Di Michela Morsa
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Due missili hanno colpito alcuni edifici residenziali della città di Pokrovsk a distanza di 40 minuti l'uno dall'altro, facendo molte vittime tra i soccorritori. Il servizio di sicurezza ucraino ha arrestato una donna accusata di spionaggio. Liberati 22 militari ucraini

PUBBLICITÀ

Lunedì sera due missili russi hanno colpito il centro di Pokrovsk, una città controllata dall'Ucraina nel Donetsk, uccidendo almeno sette persone e ferendone 67. L'attacco è stato particolarmente letale non solo perché ha preso di mira edifici residenziali ma perché è avvenuto in due tempi diversi: il secondo missile ha colpito 40 minuti dopo il primo, uccidendo e ferendo i primi soccorritori. 

Il Ministro degli Affari Interni Ihor Klymenko ha dichiarato che tra i feriti ci sono 29 agenti di polizia, sette soccorritori e due bambini. Nella mattinata di martedì è ripresa la rimozione delle macerie dopo che i lavori erano stati sospesi durante la notte "a causa dell'elevata minaccia di ripetuti bombardamenti", ha aggiunto. 

Nella giornata di lunedì gli attacchi russi hanno causato almeno altre tre vittime. Andriy Yermak, capo dell'amministrazione presidenziale ucraina, ha riferito di altri due civili uccisi nel villaggio di Kruhliakivka, nella regione di Kharkiv, dove "quattro bombe aeree guidate hanno colpito case private". Le vittime sono una donna di 45 anni e un uomo di circa 60, cinque persone sono rimaste ferite. Una persona è morta invece a Kherson durante la notte tra domenica e lunedì a causa dei bombardamenti russi, che hanno causato anche diversi feriti. 

Complotto sventato

Il servizio di sicurezza ucraino ha dichiarato di aver arrestato un'informatrice accusata di aver aiutato la Russia a pianificare un attentato al presidente Volodymyr Zelensky, che avrebbe dovuto verificarsi durante la sua visita di fine luglio nella regione meridionale di Mykolaiv, colpita dalle inondazioni. 

Non è stata divulgata l'identità della donna. Si sa che viveva nella piccola città meridionale di Ochakiv, nella regione di Mykolaiv, e che in passato lavorava come commessa in un negozio di una base militare. 

La sospettata, ha affermato l'Sbu, stava aiutando la Russia a preparare un "massiccio attacco aereo". Per farlo, stava raccogliendo informazioni per cercare di scoprire l'itinerario del presidente, oltre a dati sull'ubicazione dei sistemi di guerra elettronica e dei magazzini di munizioni. Inoltre, avrebbe fotografato luoghi e cercato di ottenere informazioni da contatti personali nella zona.

L'Sbu, che era a conoscenza del complotto in anticipo e aveva adottato misure di sicurezza aggiuntive durante la visita di Zelensky, ha dichiarato che i suoi agenti hanno continuato a monitorare la donna per ottenere maggiori informazioni sui suoi contatti russi e sui suoi incarichi. Hanno poi colto l'informatrice "con le mani nel sacco" mentre tentava di passare dati intelligence ai servizi segreti russi. 

Ora potrebbe essere accusata di diffusione non autorizzata di informazioni sui movimenti di armi e truppe. Se condannata, potrebbe scontare fino a 12 anni di carcere.

Via libera

Il capo dell'Ufficio presidenziale ucraino, Andriy Yermak, ha annunciato lunedì che sono stati liberati dalla prigionia russa 22 militari ucraini. Tra i rilasciati ci sono anche dei feriti. 

Un filmato pubblicato sul suo canale Telegram mostra il gruppo di militari avvolti in bandiere ucraine. Uno dei militari dice: "Sono tornato dall'inferno". 

"Si tratta di soldati delle Forze armate ucraine, tra cui due ufficiali, oltre a personale arruolato di vari gradi. Hanno partecipato a battaglie su diversi fronti e tra i liberati ci sono anche coloro che sono stati feriti. Il più anziano dei nostri soldati ha 54 anni, mentre il più giovane ha 23 anni", ha detto Yermak nel suo post su Telegram.

"Tutti gli individui liberati saranno sottoposti a un corso di riabilitazione fisica e psicologica, alla reintegrazione e riceveranno le cure mediche necessarie sotto il supporto di professionisti del settore. Ringrazio il Quartier generale del coordinamento per la gestione dei prigionieri di guerra e tutta la nostra squadra per questo lavoro. Il presidente ci ha affidato il compito di riportare in patria tutti i nostri cittadini", ha aggiunto Yermak.

La situazione sul fronte

Il capo delle forze armate ucraine, il generale Valerii Zaluzhnyi, ha dichiarato che le forze ucraine stanno creando passo dopo passo le condizioni per avanzare nel sud, dove hanno faticato a guadagnare terreno a causa dei pesanti combattimenti. Zaluzhnyi ha riferito all'alto generale statunitense Mark Milley che le difese dell'Ucraina sono solide e che "l'iniziativa è dalla nostra parte".

La Russia ha invece affermato che negli ultimi tre giorni le sue truppe sono avanzate di tre chilometri lungo il fronte di Kupiansk, nel nord-est dell'Ucraina, nel tentativo di riconquistare i territori persi in precedenza. La città di Kupiansk e le aree circostanti della regione ucraina di Kharkiv sono state liberate dalle forze ucraine lo scorso settembre, ma da allora Mosca ha rinnovato il suo assalto alla regione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: almeno 9 morti e 29 feriti nel raid russo a Kryvyj Rih, la città di Zelensky

Guerra in Ucraina: nel Donetsk ordinata l'evacuazione dei bambini, la Russia avanza su Chasiv Yar

Guerra in Ucraina, la Russia tenta di sfondare a Kharkiv: Vovchansk in fiamme