Guerra in Ucraina: colpita raffineria russa a Riazan, da Usa 300 milioni di dollari in armi per Kiev

Il presidente statunitense Joe Biden
Il presidente statunitense Joe Biden Diritti d'autore Andrew Harnik/AP
Diritti d'autore Andrew Harnik/AP
Di Ilaria Cicinelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I sistemi di difesa antiaerei della Russia hanno abbattuto 58 droni nella notte. Kiev ha colpito una raffineria di petrolio nella regione di Ryazan. Salgono a 4 le vittime dell'attacco di Kryvyj Rih. Parigi approva l'accordo di sicurezza franco-ucraino e gli Usa inviano 300 milioni di dollari

PUBBLICITÀ

Quattro vittime e oltre quaranta feriti, è questo il bilancio dell'attacco russo di martedì contro la citta' di Kryvyj Rih

Il governatore della città Oleksandr Vilkul ha dichiarato su Telegram che una donna è morta in ospedale a causa delle ferite riportate. Sei persone sono ancora in condizioni critiche, inclusi due bambini. In risposta all'attacco missilistico sulla sua città natale il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che Kiev infliggerà perdite alla Federazione russa. 

Colpita un'altra raffineria di petrolio in Russia

Nella mattina di mercoledì i sistemi di difesa aerei russi hanno abbattuto almeno 58 droni di Kiev diretti verso le regioni di Belgorod, Bryansk, Voronezh, Kursk, Leningrado e Ryazan.

Pavel Malkov, il governatore della regione di Ryazan, a circa 200 km a sud-est di Mosca, ha dichiarato che un drone ha colpito una raffineria di petrolio provocando un incendio. Ci sarebbero diversi feriti.

Nel Donetsk, nell' Ucraina orientale, due persone sono state ferite da un attacco missilistico russo che ha colpito martedì sera un'area residenziale a Myrnograd. Un altro attacco russo a Sumy, nell'omonima regione del nord est dell'Ucraina, ha gravemente danneggiato un edificio residenziale provocando otto feriti e tre dispersi.

Per Putin gli attacchi ucraini in Russia sono un modo per interferire con le presidenziali

I massicci attacchi ucraini sul suolo russo dei giorni scorsi sarebbero un modo per interferire con le elezioni presidenziali in Russia, previste tra il 15 e il 17 marzo, secondo le dichiarazioni del presidente Vladimir Putin all'agenzia di stampa Ria Novosti. Lunedì notte e martedì mattina l’Ucraina ha preso di mira le strutture energetiche russe in uno dei più grandi attacchi transfrontalieri della guerra. 

I droni hanno colpito una raffineria di petrolio nella regione di Nizhny Novgorod che produce quasi il 6 per cento del greggio raffinato totale della Russia. Un altro ha colpito un deposito petrolifero nella città di Oryol.

Nuovi aiuti per Kiev da Usa e Francia

La Casa Bianca ha annunciato che il Pentagono invierà trecento milioni di dollari in armi all'Ucraina. L'annuncio arriva mentre l'Ucraina è pericolosamente a corto di munizioni e gli sforzi per ottenere nuovi fondi per le armi si sono arenati alla Camera a causa dell'opposizione repubblicana.

L'Assemblea nazionale francese ha votato a favore dell'accordo di sicurezza franco-ucraino martedì 12 marzo. Il patto di sicurezza decennale con l’Ucraina prevede l’impegno di Parigi a fornire più armi, addestrare soldati e inviare fino a 3 miliardi di euro in aiuti militari. Dopo un dibattito teso, i parlamentari francesi hanno sostenuto il patto con un ampio margine, con 372 voti a favore e 99 contrari, mentre 101 si sono astenuti.

Il mese scorso il Presidente francese Emmanuel Macron e il suo omologo ucraino Volodymyr Zelenskyy hanno firmato a Parigi un accordo di sicurezza bilaterale, impegnandosi a sostenere civilmente e militarmente l'Ucraina nella sua guerra contro la Russia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, nasce la prima squadra di calcio di ex soldati amputati: il pallone come forma di terapia

Guerra in Ucraina: attacchi in Russia, raid di gruppi armati anti-Cremlino oltreconfine

Guerra in Ucraina: scoppia il caso per le parole del Papa