EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Panama, siccità obbliga a ridurre il transito di navi nel canale, perdite per 200 milioni di dollari

Image
Image Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di Michela Morsa
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le autorità sono state costrette a ridurre il transito di navi a causa delle scarse precipitazioni e quindi del basso livello dell'acqua. Preoccupazione per lo snodo che gestisce più del 6% del commercio marittimo mondiale

PUBBLICITÀ

El Niño sta prosciugando le acque, e quindi le casse, del Canale di Panama. Il fenomeno meteorologico, che provoca un forte riscaldamento dell'Oceano Pacifico ed episodi di inondazioni o siccità nei Paesi che vi si affacciano, ha comportato una critica diminuzione delle precipitazioni nell'area impattando sul regolare transito del Canale. 

Già domenica scorsa le autorità sono state costrette a limitare a 32 il numero di navi in transito, rispetto alle 36-38 del normale funzionamento, a causa del livello dell'acqua. Non sono cadute abbastanza piogge per alimentare il sistema di spartiacque di fiumi e ruscelli che riempiono i laghi circostanti, le cui acque a loro volta riempiono le chiuse. 

Come ha spiegato l'amministratore delegato Ricaurte Vásquez in una conferenza stampa, questa siccità avrà delle conseguenze economiche significative: ci si aspetta un calo delle entrate del 2024 fino a 200 milioni di dollari. Prima dell'annuncio delle misure, il Canale si aspettava di guadagnare circa 4,9 miliardi di dollari in tasse l'anno prossimo.

Inoltre, si teme che i clienti optino per altre rotte di navigazione. È in gioco uno dei pilastri dell'economia e del trasporto marittimo non solo del Paese ma del mondo, poiché il Canale gestisce il 6% del commercio marittimo globale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Canale di Panama: diminuisce il passaggio di navi per la siccità

Sono 25 i Paesi che ogni anno si trovano ad affrontare uno "stress idrico estremo": tre di questi sono in Europa

Ondata di caldo anomalo in Pakistan: temperature oltre i 52 gradi