EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Sánchez e l'idea di un governo progressista: il futuro della Spagna è nelle mani di Puigdemont?

Carles Puigdemont torna sotto i riflettori.
Carles Puigdemont torna sotto i riflettori. Diritti d'autore Manu Fernandez/Copyright 2016 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Manu Fernandez/Copyright 2016 The AP. All rights reserved.
Di Cristina Giner da Barcellona - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sánchez ha bisogno anche dei 7 seggi di JuntsxCatalunya per raggiungere la maggioranza e formare un governo. Ma gli indipendentisti catalani a quanto "venderanno" il loro appoggio? Feijóo in difficoltà: a parte Vox, non trova altri alleati

PUBBLICITÀ

Il panorama post-elettorale in Spagna offre inaspettate sorprese, in questa lunga estate calda, con un governo solo temporaneo guidato da Pedro Sánchez.

Senza sufficienti seggi per governare, nè a destra nè a sinistra, ora l'ago della bilancia potrebbero tornare ad essere i partiti indipendentisti della Catalogna.

Dopo anni di oblio dalla scena politica spagnola, JuntsxCatalunya, il partito dell'ex leader Carles Puigdemont - ex presidente della Generalitat Catalunya (la regione) - potrebbe essere decisivo per rilanciare un governo progressista,

Josep Rius, portavoce di JuntsxCatalunya, non le manda certo a dire:
“La proposta di JuntsxCatalunya è molto chiara. È l'esercizio del diritto all'autodeterminazione e all'amnistia, logicamente. Un'amnistia che non si è risolta con alcune grazie che il governo ha concesso".

"Per trattare, Pedro Sànchez dovrà parlare con JuntsxCatalunya e quando parla con Juntsxper Catalunya parla con Puigdemont".
Josep Rius
Portavoce partito JuntsxCatalunya
Euronews
"Sicuramente discuteremo di amnistie"...Euronews

Sánchez ha bisogno anche dei 7 seggi di JuntsxCatalunya per raggiungere la maggioranza e formare un governo. 

Feijóo non trova alleati  (a parte Vox)

Mentre il leader popolare Alberto Nunez****Feijóo è in difficoltà - dopo aver incassato il "No" di due piccoli partiti, uno dei Paesi Baschi e uno delle Canarie, che non vogliono fare un governo con Vox - la Spagna rischia di tornare alle urne, forse a dicembre.

Spiega l'analista Marc Guinjoan:
"Il Partito Socialista (PSOE) ha detto più volte che l'unità della Spagna non è qualcosa che possa essere messa in dubbio. Quindi, in questo senso, sembra difficile per il PSOE negoziare su questi termini. Junts non ha tanti incentivi per formare una coalizione con PSOE e Sumar. Quindi, vedremo nei prossimi mesi".

Euronews
"Sembra difficile per il PSOE trattare con JuntsxCatalunya".Euronews

Quel mandato d'arresto internazionale...

Proprio lunedì la Procura spagnola ha chiesto di riattivare il mandato d'arresto internazionale nei confronti di Carles Puigdemont, fuggito a Bruxelles dopo il referendum della Catalogna, giudicato illegale del 1° ottobre 2017.

La corrispondente da Barcellona, Cristina Giner:
“Il termine per costituire il Congresso dei Deputati è il prossimo 17 agosto. Quel giorno inizierà la nuova legislatura. In Spagna non esiste un termine legale specifico per l'investitura del presidente del governo, quindi i negoziati potrebbero andare avanti per settimane". 

Euronews
Cristina Giner, corrispondente da Barcellona.Euronews
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francina Armengol, nuovo presidente della Camera spagnola

Le elezioni generali in Spagna lasciano in sospeso il prossimo governo

Spagna: la Corte Suprema conferma il mandato di arresto per Puigdemont dopo l'amnistia