EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

In Spagna sta tornando il bipolarismo? Ecco perché gli elettori scelgono socialisti e popolari

Pedro Sánchez e Alberto Núñez Feijóo
Pedro Sánchez e Alberto Núñez Feijóo Diritti d'autore Bernat Armangue/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Bernat Armangue/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Juan Carlos de Santos
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in spagnolo

Nelle elezioni di maggio, il Partito popolare è cresciuto, beneficiando della scomparsa di Ciudadanos. Dall'altro lato dell'emiciclo i socialisti non perdono consensi come i compagni di governo di Podemos

PUBBLICITÀ

Alle elezioni spagnole del prossimo 23 luglio, gli esperti prevedono un sorprendente aumento di consensi, superiore al 60 per cento, per i due grandi partiti tradizionali. Cosa impensabile in altri Paesi europei dove la frammentazione politica è più pronunciata. Quali sono le ragioni alla base di questa tendenza? Gli esperti indicano diverse cause, una delle quali è la crisi dei partiti di protesta nati nei primi anni duemila, come Ciudadanos e Podemos. Nessuno di questi marchi compare sulla scheda elettorale.

"I cittadini sono stanchi di progetti nati con grandi speranze e rivelatisi un bluff", afferma Euprepio Padula, esperto di leadership politica. "Quando c'è disincanto nella politica, possono succedere due cose: o si va dietro ai populisti che ti vendono ricette facili per il tuo difficile problema, o si va a votare per il partito che già conosci, ed è quello che sta succedendo ora in Spagna".

Dal bipartitismo al "bibloquismo"

La società spagnola ha attraversato diverse fasi, dal bipartitismo al multipartitismo e ora al "bibloquismo", come lo descrivono gli esperti, cioè di una contrapposizione tra due blocchi. Sebbene i grandi partiti godano ancora di sostegno, sembrano dipendere da alleanze con VOX o Sumar per ottenere la maggioranza.

"In questo momento la competizione assomiglia a un doppio duello, perché vediamo che PP e PSOE sono in testa a contendersi la prima posizione. E poi, separatamente, Sumar e VOX si contendono la terza e la quarta posizione", aggiunge Ferrándiz.

La legge elettorale favorisce PSOE e PP

Per entrambi i partiti, l'ostacolo è sempre stato la legge elettorale spagnola, che dà maggior peso ai voti delle province, dove gli elettori tendono a favorire i partiti tradizionali. Per i piccoli partiti è più difficile conquistare seggi perché non sono radicati sul territorio.

"La legge d'Hont è stata concepita per dare molto peso a queste piccole e medie circoscrizioni dove, a seconda della loro popolazione, avrebbero una rappresentanza minore rispetto a quella che gli è riconosciuta. Hanno un grande peso nel processo decisionale", afferma José Pablo Ferrándiz, Direttore di Opinione Pubblica e Studi Politici dell'IPSOS.

La legge prevede che i voti delle regioni più urbane abbiano un peso minore. È proprio qui che Podemos e Ciudadanos hanno ottenuto la maggioranza dei voti in altre elezioni. " Per esempio, Ciudadanos, per avere un seggio in province come la Catalogna, ha dovuto avere molti più voti di quelli necessari al Partito Socialista", dice Euprepio Padula.

"Il PP e il PSOE hanno quella capacità più trasversale che né Podemos né Ciudadanos hanno in gruppi sociali, in fasce d'età e in territori dove non sono mai arrivati", dice Ferrándiz.

La pandemia o la guerra in Ucraina non hanno penalizzato i principali partiti quanto la crisi del 2008.

Un altro degli aspetti che ha permesso ai partiti tradizionali di sopravvivere, secondo José Pablo Ferrándiz, è che le ultime crisi non hanno avuto lo stesso impatto in termini di apertura di una crisi politica che avrebbe rivoluzionato il panorama politico con la comparsa di nuovi partiti. I nuovi progetti erano già in circolazione. Invece, ognuno ha vissuto la propria crisi e ognuna delle formazioni per motivi diversi.

La differenza con la crisi del 2008 è che questa volta non c'è stato un salvataggio con relativi tagli, ma un'altra serie di politiche espansive che non hanno intaccato le formazioni che stanno governando nelle regioni o nel Paese.

"Con la pandemia, anche con la guerra in Ucraina, l'Europa ha ovviamente cercato di fornire soluzioni meno radicali per i cittadini della classe media, rispetto a quanto successo nel 2008. Quindi, questo ha permesso anche un diverso scenario per il consolidamento dei partiti tradizionali", sottolinea il direttore di Opinione pubblica di Ipsos.

Ciudadanos e Podemos hanno perso voti in modi diversi

Per quanto riguarda Ciudadanos e Podemos, entrambi hanno perso voti, ma per motivi diversi. Ciudadanos ha subito una perdita significativa di elettori, al punto da decidere di non presentarsi alle ultime elezioni. Podemos, invece, ha mantenuto un terreno elettorale più solido, anche se ha dovuto allearsi con altre forze politiche per mantenere la propria rappresentanza.

Secondo Ferrándiz, la strategia della formazione arancione è stata sbagliata:"È stata una decisione strategicamente sbagliata quando ha improvvisamente scelto di posizionarsi nel blocco di destra".Padula sottolinea la "monumentale sequenza di errori strategici" e la mancanza di "autocritica", che ha portato alla "completa scomparsa" del partito .

Questa scomparsa ha rafforzato il Partito Popolare che, secondo la stampa spagnola, affronta le prossime elezioni con una percentuale maggiore di intenzioni di voto.

Nel caso di Podemos, invece, non si è trattato di una debacle così grande. Il partito ha subito una batosta alle elezioni regionali di maggio, dove ha perso rappresentanza a Madrid. Nel giro di una settimana ha dovuto unirsi alla coalizione di sinistra Sumar per poter partecipare alle elezioni ed evitare una frammentazione elettorale che avrebbe potuto danneggiarlo ancora di più, secondo gli esperti.

"Avrebbe escluso la possibilità di partecipare un governo di sinistra", dice Ferrándiz. Ma sottolinea che la base elettorale di Podemos è sempre stata abbastanza solida. "Uno spazio che potremmo forse quantificare intorno al 9-10% dei voti, cosa che non è successa a Ciudadanos".

Podemos è stato penalizzato dall'alleanza di governo con PSOE

Secondo gli esperti, il partito viola ha risentito del modo in cui ha gestito alcune questioni durante la legislatura, come la legge Solo Sí es Sí, ovvero la legge sull'uguaglianza, di cui faceva parte un ministro di Podemos, Irene Montero. La legge sancisce il consenso come requisito per la libertà sessuale. Tuttavia, il modo in cui è stata approvata non è piaciuto al Parlamento e nel corso dei mesi ha dovuto essere modificata perché ha avuto effetti indesiderati, secondo i suoi promotori, come la riduzione delle pene per gli stupratori.

Secondo gli esperti, la legge che doveva aiutare la sinistra ha finito per ritorcersi contro. "L'equilibrio che le persone fanno. E non parlo solo di persone di destra, ma anche di persone, socialisti e persone di sinistra. Non è particolarmente positivo", sottolinea Padula.

PUBBLICITÀ

"È stato un governo di coalizione segnato da molte divergenze tra i principali partiti, e poi ha dovuto anche fare concessioni agli indipendentisti, raggiungere accordi con il Bildu, con una serie di forze politiche che sono ancora molto popolari in Spagna", aggiunge l'esperto di leadership politica.

"L'umore sociale è cambiato".

In breve, entrambi gli esperti concordano sul fatto che gli elettori sono cambiati. Ora cercano altri tipi di interessi. Secondo José Pablo Ferrándiz, lo stato d'animo sociale è cambiato:"Si è passati dall'indignazione a quella che chiameremmo una normalizzazione della sfera politica", sottolinea.

Padula sottolinea che "quando c'è disincanto nei confronti della politica, possono succedere due cose: o si va dietro ai populisti che ti vendono ricette facili per problemi complessi, o si vota per un partito che già si conosce, che è quello che sta succedendo ora in Spagna". "Personalmente, credo che gli elettori cerchino la soluzione che sembra la meno peggio", conclude.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Spagna e l'ascesa dell'estrema destra

Pedro Sanchez, una rielezione tra compromessi e polemiche

Pedro Sánchez e Yolanda Díaz: accordo per governare la Spagna (ma servono i voti dei catalani)