EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Le "strane deviazioni" dell'ultimo pacchetto di sanzioni europee alla Russia

Copyright 2022
Copyright 2022 Diritti d'autore Andy Wong/The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Andy Wong/The AP. All rights reserved
Di Redazione italiana
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si tratta di aziende delle ex repubbliche sovietiche: l'Europa sta cercando di garantire alle aziende di comprendere l'entità della questione

PUBBLICITÀ

L'undicesimo pacchetto di sanzioni europee alla Russia ha una svolta leggermente diversa.

È diretto non solo contro le compagnie russe, ma anche contro terze parti che, volenti o nolenti, stanno aiutando il Cremlino ad aggirare le restrizioni.

Si tratta di aziende delle ex repubbliche sovietiche: l'Europa sta cercando di garantire alle aziende di comprendere l'entità della questione.

"Le aziende - dice Berit Lindeman, segretario generale del Comitato Helsinki norvegese - hanno un ordine di cuscinetti a sfera che vanno in Kazakistan, e sono completamente felici di esportare lì, non sapendo che quei cuscinetti a sfera stanno andando direttamente in Russia e aiutano la macchina della guerra russa".

L'elenco delle sanzioni include anche società cinesi: secondo gli esperti, il volume del suo commercio con la Russia le consente di nascondere eventuali violazioni delle sanzioni.

Tuttavia, secondo gli osservatori, è improbabile che Europa e Cina entrino in un conflitto commerciale diretto sulla Russia.

"La Cina può andare d'accordo con i suoi alleati europei - dice Alexandra Prokopenko, ricercatrice, Centro per gli studi sull'Europa orientale e internazionale di Berlino - e ridurre il commercio con la Russia a società fondamentalmente impegnate a servire le relazioni commerciali della Cina con l'Iran, con Cuba, con il Venezuela, con la Corea del Nord".

Sia la Russia che l'Occidente affermano che sinora le sanzioni hanno avuto un effetto molto limitato sull'economia russa: a lungo termine, tuttavia, gli esperti ritengono che questo fattore da solo basterebbe a causare gravi danni all'economia.

"La ridistribuzione dei fondi nell'economia - aggiunge Alexandra Prokopenko - avviene principalmente attraverso il complesso militare-industriale.

Ciò significa che lo squilibrio crescerà e una bolla si gonfierà attorno al complesso militare-industriale, mentre nei settori civili tutto si ridurrà.

Quindi a breve termine, le sanzioni non riusciranno a far crollare l'economia russa, ma a lungo termine la renderanno parecchio malata".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le reazioni dell'Ue alla rivolta in Russia

Vertice Corea del Nord-Russia, sul tavolo armi e aiuti umanitari

G7 Commercio a Villa San Giovanni, Tajani: "Crescita sostenibile e inclusiva"