EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Budapest alle prese con la riforma dell'istruzione. Rabbia in strada

La rabbia degli insegnanti contro la riforma dell'istruzione in Ungheria
La rabbia degli insegnanti contro la riforma dell'istruzione in Ungheria Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le proteste degli insegnanti continuano da mesi. L'aumento degli stipendi dipende dal braccio di ferro con Bruxelles sui fondi Ue. Migliaia di maestri e professori in meno nelle scuole

PUBBLICITÀ

In Ungheria lo scontro tra insegnanti e governo sulla riforma dell'istruzione è entrato nella fase più delicata. I deputati ungheresi si sono riuniti per esaminare gli emendamenti che dovrebbero portare all'approvazione della riforma dell'istruzione senza ulteriori ritardi. Migliaia di insegnanti hanno manifestato contro una legge vista sempre più come una "vendicativa" contro il dissenso della categoria nei confronti dell'esecutivo magiaro.

Il corpo docente protesta da oltre un anno per ottenere migliori condizioni di lavoro e aumenti salariali, e denuncia le difficoltà delle condizioni del loro lavoro, sempre più precarie e insostenibili a causa del carico di lavoro in crescita rispetto a una paga immobile.

Il principale sindacato degli insegnanti, il PDSZ, afferma che le ultime nuove norme mettono ulteriormente sotto pressione il personale, costretto a lavorare troppo, a essere sottopagato. Secondo il sindacato le nuove regole indeboliscono lo status di dipendenti pubblici degli insegnanti e rendono più severa la valutazione delle loro prestazioni su cui si basano gli stipendi.

Intanto Budapest ha deciso di usare l'arma politica e legare il grande aumento di stipendio promesso agli insegnanti all'ottenimento dello sblocco dei quasi 30 miliardi di euro della politica di Coesione e del Piano di ripresa e resilienza che la Commissione europea non ha ancora erogato a causa delle preoccupazioni sulla corruzione e sullo stato di diritto nel Paese,

La rabbia degli insegnanti è esplosa dopo l'adozione, nel febbraio 2022, di un decreto che limita drasticamente il diritto di sciopero. Diversi insegnanti sono stati licenziati per aver interrotto il lavoro per diversi giorni nel tentativo di difendere le loro richieste.

Con un sistema educativo già in carenza di migliaia di insegnanti, la nuova riforma rischia di provocare un vero e proprio esodo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee

Xi a Budapest da Orban: Cina e Ungheria firmano 16 accordi di cooperazione, da ferrovie al nucleare

Ungheria: cosa c'è dietro la visita a Budapest dell'ex presidente iraniano Ahmadinejad