EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

GreenWeek: la siccità a Doñana costringe i coltivatori di riso a smettere di seminare

GreenWeek: la siccità a Doñana costringe i coltivatori di riso a smettere di seminare
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ci sono ancora fenicotteri nelle poche lagune d'acqua di Doñana, il famoso paradiso europeo per gli uccelli nel sud della Spagna, ma la sua biodiversità è ora minacciata

PUBBLICITÀ

Anche a Doñana, il famoso paradiso europeo per gli uccelli nel sud della Spagna, la Terra si sta surriscaldando: la guida faunistica Sergio conta meno nidificazioni di uccelli, meno specie sopravvissute.

La biodiversità di Doñana ora è minacciata.

“La cosa più importante a Doñana – dice - è che siamo nel mezzo delle rotte migratorie degli uccelli”.

A Doñana ci sono anche 37.000 ettari di risaie: un sofisticato sistema di stazioni di pompaggio convoglia l'acqua dal fiume Guadalquivir ai campi.

Le autorità idriche attribuiscono ogni anno una quantità esatta di acqua a diversi utenti, tuttavia c'è un problema.

“Queste sono aree di risaie – aggiunge Sergio - negli ultimi tre anni non è arrivata troppa acqua dolce all'Oceano Atlantico dai bacini in montagna.

L'acqua salata dall'oceano è arrivata più vicino: quest'anno, la percentuale di sale in un litro di acqua di irrigazione è di circa tre grammi, ed è troppo per il riso”.

Il caldo secco aleggia sulla risaia di José ormai da tre anni.

Nel 2022 la situazione idrologica è diventata critica: José e i suoi colleghi hanno ricevuto il 70% di acqua in meno.

Il sindacato dei coltivatori di riso, guidato proprio da José, ha deciso di coltivare solo il 30% delle loro risaie.

“Quest'anno – dice - il deficit idrico è ancora peggiore, pertanto si è deciso di darci solo l'11% del volume d'acqua disponibile.

E nel settore del riso intorno a Siviglia, si è deciso di non piantare affatto riso”.

La Spagna ha lanciato una richiesta di emergenza alla Commissione europea per intensificare il sostegno agli agricoltori bisognosi.

“Questo è un terreno argilloso che è secco – aggiunge José - e quello che fa è creare piccole zolle, che quindi impediscono la coltivazione di qualsiasi cereale o coltura orticola.

Qui nelle paludi del Guadalquivir, l'unica cosa che può crescere è il riso, ma solo con l'irrigazione della zona”.

José ci invita nel suo magazzino, dove è ancora conservato del riso del raccolto dell'anno scorso: l'intero settore sarà paralizzato, quest'anno.

Brutte notizie per la comunità rurale di Isla Mayor, villaggio fondato un secolo fa per la colonizzazione delle paludi del fiume Guadalquivir con i coltivatori di riso.

“La situazione è deplorevole – conclude José - e forse catastrofica per alcuni agricoltori”.

PUBBLICITÀ

Due terzi della Spagna sono minacciati dalla desertificazione: la crisi climatica inizia qui.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna, parco di Doñana in agonia: ecco il piano per salvare le zone umide

Polveri tossiche e ceneri terrose: il clima estremo della Lituania

La siccità colpisce ormai un terzo del territorio europeo