Slovacchia, Heger: "Fiducioso nell'operato del nuovo governo"

Slovakia's President Zuzana Caputova, right, appoints a caretaker government led by the economist and National Bank of Slovakia vice-chair Ludovit Odor in Bratislava.
Slovakia's President Zuzana Caputova, right, appoints a caretaker government led by the economist and National Bank of Slovakia vice-chair Ludovit Odor in Bratislava. Diritti d'autore Jaroslav Novak/Tlacova agentura SR
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ludovit Ódor, 46enne di etnia ungherese, è stato nominato primo ministro ad interim della Slovacchia fino alle elezioni di settembre: abbiamo chiesto al premier uscente quali fossero le sue aspettative

PUBBLICITÀ

La Slovacchia versa in una situazione difficile, ma il nuovo governo è pronto ad affrontare le questioni urgenti, ha detto ad Euronews il primo ministro uscente, Eduard Heger.

"Sono esperti - dice, in riferimento ai componenti del nuovo governo - e alcuni di loro hanno già lavorato nei ministeri, quindi conoscono il lavoro.

Alcuni di loro hanno trascorso molti anni nel governo, penso siano preparati per avere successo.

Ed è quello che auguro loro, avere successo, è importante per la Slovacchia".

Il nuovo primo ministro è di etnia ungherese: abbiamo visitato il piccolo villaggio dove Ludovit Ódor è cresciuto e dove tutti lo conoscono.

"Era un bravo ragazzo - dice una residente - bravo in matematica e un gran lavoratore, forse ora ne ha beneficiato.

Abbiamo sentito parlare di lui, siamo felici che venga da Kosihy e che sia in una posizione così elevata, potrebbe riuscire in quello che sta facendo, noi tifiamo per lui e ne siamo orgogliosi".

"Per me è una grande cosa - afferma invece Lajos Csóka, sindaco di Veľké Kosihy - che la Slovacchia abbia un primo ministro ungherese.

Qualche anno fa sarebbe stato impensabile, anche se il candidato fosse stato molto bravo.

Sono sicuro che le qualità di Ludovit sono così buone che se lo meritava, ma d'altra parte forse la situazione politica, il rapporto tra ungheresi e slovacchi è migliorato così tanto che questo poteva accadere".

Tutti i residenti con cui abbiamo parlato erano molto contenti che il ragazzino che suonava qui negli anni '80 sia ora a capo del governo.

L'esempio del nuovo primo ministro può mostrare a tutti che le persone di una scuola di un piccolo villaggio a volte possono davvero fare la differenza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Slovacchia, la parabola nuovamente ascendente di Robert Fico

Slovacchia, camionisti sul piede di guerre per i controlli alle frontiere

Slovacchia, Pellegrini presidente rafforza la linea pro Russia e anti-Ue di Fico