EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Nella sede di Lodi della Statale i cani entrano in facoltà

Già 40 le domande, previsto un regolamento dettagliato
Già 40 le domande, previsto un regolamento dettagliato
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 12 APR - Dopo due anni di sperimentazione, il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Scienze Animali della Statale di Milano con sede a Lodi ha attivato un accordo interno che prevede che le persone che vi lavorano, dal personale tecnico-bibliotecario agli assegnisti, dai dottorandi ai borsisti, possano portare con sé il proprio cane durante l'orario lavorativo. E sono già 40 le persone che hanno ricevuto l'autorizzazione o hanno fatto domanda. L'accordo, promosso da Clara Palestrini e da Gustavo Gandini, docenti di Medicina Veterinaria e Scienze e Tecnologie animali, intende venire incontro alle necessità di coloro che hanno un cane e che vogliono condividere più tempo possibile col proprio animale, ma intende anche tutelare, attraverso un regolamento molto dettagliato, chi invece preferirebbe non avere un cane come vicino di scrivania. A chi vuole portare il proprio cane in Facoltà viene richiesta, infatti, oltre all'iscrizione all'anagrafe degli animali d'affezione, la stipula di un'assicurazione per danni contro terzi, un certificato di buona salute e la frequenza di un percorso formativo per una corretta gestione e educazione del proprio cane, "il Patentino", istituito da Decreto Ministeriale per i proprietari di cani. Il regolamento stabilisce inoltre requisiti sanitari e gestionali: il cane, infatti, oltre a essere esente da patologie trasmissibili, dovrà essere pulito, non pericoloso, non dovrà mostrare aggressività verso le persone e gli altri animali e non dovrà disturbare in alcun modo l'attività dei dipendenti. La presenza del cane deve essere segnalata sulla porta degli uffici e nel caso di allontanamento dall'ufficio e presenza del cane nello stesso, il proprietario è tenuto a chiudere la porta a chiave e a segnalarne il divieto d'ingresso nell'ufficio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Repubblica Democratica del Congo: portavoce dell'esercito dichiara, "sventato un tentativo di golpe"

Iran: atterraggio brusco per l'elicottero del presidente Raisi, maltempo complica le ricerche

Guerra in Ucraina: entrata in vigore la legge sulla mobilitazione, cosa prevede