Quei Paesi che non rispettano gli impegni con la Nato

Soldati britannici a un Winter Camp a Tapa, Estonia
Soldati britannici a un Winter Camp a Tapa, Estonia Diritti d'autore Sergei Grits/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Sergei Grits/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Nato chiede agli Alleati di portare al 2% del proprio PIL la spesa per la difesa, ma in pochi arrivano a quella cifra. Per gli esperti, è normale, ecco perché

PUBBLICITÀ

2% del Prodotto interno lordo, è questo l'importo che la Nato ha fissato nel 2014 come obiettivo di spesa per la difesa dei suoi Paesi. Ma secondo l'ultimo rapporto annuale solo sette dei suoi trenta membri (non si conta la neo arrivata Finlandia) lo hanno raggiunto nel 2022.

Questo mostra che sette alleati spendono ora il 2%. In realtà ci aspettavamo un po' di più, poiché il PIL è aumentato più del previsto per un paio di alleati, due alleati che ci aspettavamo al 2%, ma che ora sono leggermente sotto il 2%
Jens Stoltenberg
Segretario generale della Nato

Grecia (3,76%), Stati Uniti (3,47%) e Polonia (2,42%), seguiti dai Paesi baltici, sono i Paesi che attualmente spendono la percentuale più alta del PIL per la difesa e superano l'obiettivo del 2%. Dall'altra parte ci sono Belgio (1,18%), Spagna (1,01%) e Lussemburgo (0,58%). Il Regno Unito supera a malapena l'obiettivo e la Francia è leggermente al di sotto. Anche Italia e Germania non raggiungono l'obiettivo del 2%.

Per gli esperti si tratta di un parametro controverso perché valuta lo sforzo economico compiuto da ciascun Paese, ma non riflette le sue reali capacità militari, come la presenza di navi o di capacità di produzione strategica, come ci spiega Felix Arteaga, ricercatore presso il Real Instituto Elcano: "Il 2% è controverso perché viene usato per dire, ad esempio, che Paesi come la Spagna, la Germania, contribuiscono in misura molto ridotta allo sforzo economico, quando sono proprio Paesi come la Spagna e la Germania a fornire capacità militari sul terreno, mentre gli altri non lo fanno".

Una cifra che semplifica un confronto molto complesso: "È sempre più facile misurare il 2% piuttosto che considerare la quantità di personale o di forze che vengono apportate, perché questo costringerebbe la Nato a rimproverare i Paesi che spendono male quei soldi", prosegue Arteaga.

Cosa significa questo 2% del PIL per l'economia di un Paese? Prendiamo ad esempio uno dei Paesi della Nato che spende meno per la difesa, cioè la Spagna. Madrid spende circa il 4% del PIL per l'istruzione e l'8% per la sanità. Nel 2022, ha speso circa l'1% del PIL per la difesa. Raggiungere l'obiettivo della Nato significherebbe raddoppiarlo, la metà di quanto spende per l'istruzione.

"L'impegno è molto difficile da rispettare, perché finora la tendenza è stata quella di diminuire il bilancio della difesa, mentre il resto delle voci del bilancio sociale continua ad aumentare", spiega il ricercatore ai nostri microfoni. "Finché non ci sarà una situazione di guerra, di economia di guerra, che ci obbliga a dare priorità alle spese per la difesa, sarà molto difficile rispettare queste dichiarazioni".

Anche gli esperti non sono sicuri che sia consigliabile aumentare così tanto in un periodo di tempo ristretto, come dice Arteaga: "È molto difficile spendere bene questi soldi perché bisogna dimensionare le strutture di gestione, il personale, per ottenere un ritorno su questi investimenti e poi, in una situazione di inflazione come quella che abbiamo, molti degli sforzi di bilancio aggiuntivi sono compensati da un'inflazione in crescita".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Vertice Nato a Bruxelles: "Più soldi per l'Ucraina, più soldi per la difesa"

Lituania, festa per i vent'anni dall'adesione alla Nato, Nausėda: "Russia incombe ma non siamo soli"

Polonia: accusa di spionaggio, destituito il comandante di Eurocorps