EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Russia, occhi puntati sull'adesione della Finlandia alla Nato: "Minaccia la nostra sicurezza"

Vladimir Putin
Vladimir Putin Diritti d'autore Gavriil Grigorov/Sputnik
Diritti d'autore Gavriil Grigorov/Sputnik
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato che la Russia osserverà i movimenti dell'Alleanza nel Paese scandinavo e reagirà di conseguenza

PUBBLICITÀ

Il Cremlino tiene gli occhi ben puntati sulla Finlandia. Con la riunione Nato del 4 aprile, il Paese scandinavo diventerà ufficialmente membro dell'Alleanza, causando non poche preoccupazioni per la leadership russa, che da tempo si lamenta dell'espansione dell'alleanza militare occidentale verso i suoi confini. 

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, le ha esplicitate nelle dichiarazioni diffuse dall'agenzia di stampa statale russa, Ria Novosti. 

L'ingresso della Finlandia nella Nato, ha detto, "sconfina nella sicurezza della Russia", aggravando la situazione. "Osserveremo attentamente ciò che accadrà in Finlandia, come la Nato sfrutterà il territorio finlandese in termini di posizionamento di armi e sistemi infrastrutturali che saranno vicini ai nostri confini e potenzialmente ci minacceranno. Saranno prese misure sulla base di questo", ha affermato. 

Allo stesso tempo, ha osservato che l'intera situazione è fondamentalmente diversa dai problemi con l'Ucraina, perché la Finlandia non è mai stata anti-Russia

Anche il ministro della Difesa russo, Sergey Shoigu ha commentato la questione: "Nel prossimo futuro la Finlandia diventerà membro dell'Alleanza. Naturalmente, tutto ciò crea il rischio di una significativa espansione del conflitto (in Ucraina, ndr), ma non influirà sull'esito dell'operazione speciale". 

Shoigu ha anche ribadito che la Russia ha trasferito alla Bielorussia i sistemi missilistici "Iskander", che possono essere utilizzati per trasportare missili convenzionali o nucleari.

E la scorsa settimana Putin ha annunciato che entro il 1° luglio sarà completata la costruzione di un deposito per armi nucleari tattiche in Bielorussia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Metsola a Euronews: "L'Ucraina nell'Ue passo dopo passo"

Russia: cartolina precetto elettronica

L'Estonia teme operazioni ibride russe: in aumento i casi di spionaggio e guerra elettronica