Violenti combattimenti per il centro di Bakhmut. Kiev: "Wagner attacca da diverse direzioni"

Image
Image Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Anche il fondatore del gruppo mercenario parla di una "situatione molto difficile". Secondo l'Isw non ci sono prove che le forze russe abbiano fatto progressi nella conquista della città

PUBBLICITÀ

Continua e aumenta l'intensità della battaglia per il controllo del centro di Bakhmut. Secondo quanto riportato dall'ufficio stampa dell'esercito ucraino i distaccamenti d'assalto del gruppo russo Wagner stanno "attaccando da diverse direzioni" nel tentativo di sfondare le difese ucraine e "avanzare verso i quartieri centrali". 

"La difesa della fortezza continua", ha affermato il comandante delle forze di Kiev, Oleksandr Syrskyi.

Sui violenti combattimenti in corso si è espresso domenica anche il fondatore del gruppo mercenario a cui è stato affidata la conquista della città dell'Ucraina orientale: "La situazione è difficile, molto difficile. Il nemico combatte per ogni metro", ha scritto Yevgeny Prigozhin sul suo canale Telegram. 

"Più ci si avvicina al centro della città, più i combattimenti si fanno duri. Gli ucraini stanno impiegando nella battaglia infinite riserve. Ma noi stiamo avanzando e avanzeremo", ha aggiunto.

L'analisi dell'Isw

Nel suo ultimo rapporto, pubblicato sabato, l'Institute for study of war ha citato il portavoce del Gruppo orientale delle forze armate ucraine, Serhii Cherevaty, che ha affermato che i combattimenti nell'area di Bakhmut sono stati più intensi questa settimana rispetto alla precedente. 

Secondo Cherevaty, solo nelle 24 ore precedenti si erano verificati 23 scontri nella città.

Ma l'Isw ha dichiarato che non sono stati confermati progressi da parte delle forze russe. Hanno continuato a lanciare attacchi di terra nella città, ha detto il think tank, ma non ci sono prove che siano riuscite a fare progressi. 

Nella sua analisi, l'Isw ha anche scritto che Mosca manderebbe a morire a Bakhmut i mercenari del gruppo Wagner nel tentativo di indebolire il suo fondatore Prigozhin e far deragliare le sue ambizioni sul Cremlino. 

.

Gli altri attacchi russi

Non si fermano comunque gli attacchi russi in diverse zone dell'Ucraina. Domenica mattina Kiev ha riferito che solo nella giornata di sabato i bombardamenti hanno ucciso almeno cinque persone e ferito altre sette nelle regione di Donetsk e Kherson. 

I funzionari locali della provincia meridionale di Kherson hanno confermato che le forze russe hanno sparato 29 volte sul territorio controllato dagli ucraini nella regione sabato. Le aree residenziali del capoluogo Kherson sono state colpite tre volte.

Nella provincia di Donetsk, il sindaco di Sloviansk, Vadim Lyakh, ha dichiarato che la rete elettrica e le linee ferroviarie sono state danneggiate dai bombardamenti russi di domenica, ma non sono state riportate vittime.

Il governatore della regione di Mykolaiv, Vitali Kim, ha dichiarato che la città di Ochakiv, alla foce del fiume Dnieper, è stata colpita dall'artiglieria nelle prime ore di domenica. Le auto sono state incendiate e diversi edifici residenziali hanno subito danni. Ci sarebbero due morti e due feriti. 

L'accordo sui cereali

Movimenti anche sul fronte diplomatico. Secondo quanto dichiarato domenica dalla portavoce del ministero degli Esteri, Maria Zakharova, lunedì 13 marzo inizierà il round di colloqui per l**'estensione dell'accordo sui cereali del Mar Nero**, la cui scadenza è prevista per il 18 marzo.

Una delegazione russa dovrebbe incontrare gli alti funzionari delle Nazioni unite a Ginevra. 

L'accordo, che ha sbloccato le spedizioni di grano dall'Ucraina e ha contribuito a contenere l'aumento dei prezzi alimentari globali, era stato prorogato di quattro mesi per l'ultima volta a novembre, dopo la prima firma del 22 luglio scorso. 

L'Ucraina e la Russia avevano firmato accordi separati con le Nazioni unite e la Turchia per stabilire un corridoio di navigazione sicuro nel Mar Nero e procedure di ispezione concordate per verificare che le navi da carico non trasportino armi o siano in grado di lanciare attacchi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La controffensiva ucraina nell'Est del Paese "non è lontana"

Ucraina: viaggio al fronte a due anni dall'inizio dell'invasione russa

Guerra in Ucraina, cinque civili morti e dieci feriti: attacchi russi in diverse regioni