Una nuova prospettiva di apprendimento: la visione 2030 del Qatar per l'educazione dei bambini

Una nuova prospettiva di apprendimento: la visione 2030 del Qatar per l'educazione dei bambini
Diritti d'autore  euronews
Di Euronews

Euronews esamina come il Qatar stia incoraggiando nuove prospettive in materia di istruzione e promuovendo progetti che affrontano questioni globali come il cambiamento climatico

Il Qatar ha una visione per i prossimi anni: trasformarsi "in un Paese avanzato entro il 2030, capace di sostenere il proprio sviluppo e di garantire un elevato standard di vita a tutta la popolazione per le generazioni a venire". Alla base ci sono quattro pilastri: sviluppo umano, sviluppo economico, sviluppo sociale e sviluppo ambientale, tutti finalizzati a far progredire il Paese.

In questo episodio di Qatar 365, che potete vedere qui sopra, Laila Humairah e Aadel Haleem di Euronews esplorano il modo in cui l'istruzione viene utilizzata come strumento di progresso in Qatar e il modo in cui il Paese sta progettando nuovi e più accessibili modi di apprendimento.

Hanno incontrato diversi responsabili di progetti con sede a Education City, la sede della Qatar Foundation, per scoprire come vengono affrontati temi quali il cambiamento climatico, l'impatto della pandemia, la disuguaglianza, la disabilità e la sicurezza online.

Fondata dai reali del Qatar

Education City, una serie di campus dedicati all'apprendimento e all'istruzione, è stata fondata dalla monarca del Qatar, madre dell'Emiro, Sua Altezza Reale Sheikha Moza bint Nasser nel suo ruolo di Presidente della Qatar Foundation.

Bint Nasser ha parlato molto dell'istruzione, una delle sue passioni, e sul suo sito web descrive come abbia "guidato le riforme sociali ed educative in Qatar e in tutto il mondo per molti anni attraverso le sue iniziative nel campo dell'istruzione e dello sviluppo dei giovani".

Il suo progetto di punta, Education City, si estende su 12 chilometri quadrati e ospita otto università internazionali, un sistema di tram completamente elettrico e uno stadio usato per la Coppa del Mondo di calcio.

Education City ospita 10.600 studenti e sostiene di offrire "opportunità di apprendimento per studenti di tutte le età e capacità", oltre a promettere agli studenti universitari la possibilità di ottenere "un'istruzione occidentale in un ambiente mediorientale".

Ma Education City non si concentra solo sull'istruzione dei cittadini del Qatar e sul miglioramento delle strutture nazionali: svolge anche un ruolo nel ridurre il divario globale di istruzione attraverso partnership e premi.

Nel 2009 il Paese ha creato WISE, una piattaforma internazionale per incoraggiare il pensiero creativo e l'azione mirata, che funge da riferimento globale per l'istruzione moderna promuovendo progetti in tutto il mondo con premi in denaro. Da allora, ha avuto un impatto su oltre 250 milioni di beneficiari in 200 Paesi.

I vincitori dei Premi WISE 2022

Le questioni salienti del cambiamento climatico e della pandemia sono state affrontate da due vincitori dei premi WISE 2022. Reap Benefit, un'organizzazione indiana con sede a Bangalore, offre programmi di tutoraggio di due mesi per insegnare ai cittadini come combattere il cambiamento climatico, concentrandosi sulle soluzioni locali e sul potere della tecnologia.

Reap Benefit
I membri del programma di tutoraggio Reap BenefitReap Benefit

L'Organizzazione Internazionale del Lavoro stima che il riscaldamento globale potrebbe cancellare 34 milioni di posti di lavoro in India entro il 2030, ma il fondatore e amministratore delegato di Reap Benefit, Kuldeep Dantewadia, ritiene di poter cambiare questo futuro investendo e galvanizzando i giovani.

"Non credo che i giovani siano il futuro - dice Dantewadia -. Penso che siano il presente e quando si cerca di risolvere un problema molto, molto complesso, bisogna coinvolgere il presente per iniziare a risolverlo".

Un altro vincitore degli ultimi WISE Awards è stato un progetto proveniente da Education City: Education Above All, un gruppo che ha creato la Internet Free Education Resource Bank (IFERB) per ampliare l'accesso all'istruzione.

L'IFERB fornisce gratuitamente risorse per l'apprendimento, giochi e attività senza schermo per i bambini dai 2 ai 16 anni, per combattere l'interruzione dell'istruzione causata da Covid-19, soprattutto in luoghi remoti e a basso reddito.

"L'idea era quella di pensare a un apprendimento basato su progetti e volevamo semplificarlo per i contesti con scarse risorse - ha dichiarato il direttore dello sviluppo dell'innovazione di Education Above All, Janhvi Kanoria -. Volevamo quindi fare in modo che i bambini che non avevano nulla, che magari non avevano accesso a un educatore o a un facilitatore, potessero comunque imparare in questo modo".

Adattare l'istruzione per chi ha difficoltà di apprendimento

La dottoressa Asmaa Al Fadala, direttrice della ricerca e dello sviluppo dei contenuti di WISE, ha dichiarato a Euronews che la pandemia ha avuto effetti dirompenti sull'istruzione, soprattutto per i bambini con difficoltà di apprendimento.

Al Fadala ha detto a Euronews che WISE ha condotto un progetto con l'Università di Cambridge per studiare come i genitori e i bambini con disabilità hanno affrontato il proseguimento degli studi. "Abbiamo identificato una serie di risultati e raccomandazioni per queste particolari esigenze - dice Al Fadala -. Ad esempio, qui in Qatar abbiamo riscontrato un'ottima comunicazione tra scuole e genitori. Ma abbiamo scoperto che gli studenti hanno bisogno di lezioni impegnative che li aiutino ad affrontare la pandemia. Sulla base delle raccomandazioni di questo studio, stiamo preparando una tabella di marcia per le disabilità inclusive e di apprendimento in Qatar".

Euronews
Asmaa Al Fadala, direttrice della Ricerca e dello Sviluppo dei Contenuti di WISEEuronews

Best Buddies Qatar, istituito 15 anni fa, è un programma che sta lavorando per aiutare l'integrazione scolastica delle persone con difficoltà di apprendimento. Il programma prevede che gli studenti di età pari o superiore a 12 anni con abilità diverse vengano abbinati in modo da potersi conoscere reciprocamente.

L'idea è che gli studenti senza disabilità cognitive possano imparare di più sui loro coetanei, promuovendo l'integrazione sociale e riducendo al minimo l'isolamento dei disabili. Rania Aboughaida, specialista del programma per Best Buddies Qatar, ha affermato che le amicizie che si creano tendono a essere "durature", poiché le persone vengono abbinate in base a "sesso, età, interessi".

Sostegno ai genitori di bambini con difficoltà di apprendimento

Sostenere un figlio con difficoltà di apprendimento può essere una sfida per i genitori, ma un gruppo di tre madri ha creato una pagina Instagram per condividere consigli e risorse.

Aisha Al-Amari, una delle fondatrici dell'Autism Parents Platform, ha raccontato di essere stata inizialmente scioccata quando ha scoperto la diagnosi di autismo di suo figlio. Tuttavia, quando ha iniziato a saperne di più su come prendersi cura di un bambino con un disturbo dell'apprendimento, ha deciso che la condivisione delle conoscenze avrebbe potuto contribuire a creare infanzie e relazioni familiari più felici.

"Abbiamo scoperto che imparando da altre madri che hanno vissuto la stessa esperienza, soprattutto con diagnosi recenti, quelle più giovani, è stato più facile per noi trovare l'approccio terapeutico, l'approccio scolastico e quali approcci funzionano effettivamente con i nostri figli", dice  Al-Amari.

Promuovere la sicurezza online

Una delle sfide che i giovani devono affrontare nel XXI secolo è quella di creare spazi sicuri, liberi da molestie, sfruttamento e contenuti dannosi online. Durante un evento dei Learning Days di Doha, il reporter di Euronews Aadel Haleem ha parlato con Nimesh Patel, confondatore di Kabuni, un'azienda tecnologica che cerca di creare un "metaverso" sicuro a misura di bambino.

"La sicurezza deriva da diversi elementi - dice Patel -. Per quanto tempo rimarrai lì dentro? Come interagirete e vi comporterete? Quali saranno i protocolli se qualcosa va storto? Penso che dobbiamo lavorare insieme - genitori, industria e utenti  per capire qual è l'equilibrio tra sicurezza e libertà nelle esperienze immersive".

Notizie correlate