Alla scoperta dei tesori della Biblioteca Nazionale del Qatar

Alla scoperta dei tesori della Biblioteca Nazionale del Qatar
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dal restauro di libri e documenti alla lotta contro il contrabbando: la biblioteca è un centro di eccellenza impegnato a preservare il patrimonio documentale della regione

PUBBLICITÀ

La Biblioteca Nazionale del Qatar è una parte vitale del progetto del Paese di diventare un polo culturale slegare il nome del Qatar da petrolio e gas. La biblioteca è stata progettata su più livelli, in modo che i libri costituiscano il panorama. "Una volta dentro, si può vedere la maggior parte delle sezioni della biblioteca - dice Hind Al Khulaifi, direttrice della pianificazione strategica e dei progetti della biblioteca -. È stata progettata su più livelli per dare l'idea che, con la lettura e con l'apprendimento, la tua anima può essere elevata. L'edificio è illuminato da luce naturale: è un simbolo dell'elevazione dell'anima attraverso l'apprendimento".

Oltre ai libri, ci sono anche spazi per lo studio, stazioni per l'innovazione e stanze sensoriali. "Vogliamo che le persone si informino, indaghino, scoprano e coltivino la loro curiosità grazie all'accesso a una quantità così abbondante di risorse su diversi argomenti", dice Al Khulaifi.

Progettata dall'architetto olandese Rem Koolhaas, la biblioteca ha aperto nel 2018. Al suo interno c'è la Heritage library, una sezione che assomiglia a un sito archeologico e ospita mappe, manoscritti e foto che documentano la storia della regione. "La mostra non è solo sulla storia araba, ma sulla civiltà islamica in generale - dice Ikhlas Ahmed, responsabile dei tour e delle mostre -. Si può scoprire come i manoscritti hanno viaggiato da una zona all'altra, fino a quando le persone hanno iniziato a scambiarsi le loro conoscenze".

Questo trasferimento di conoscenze è emblematico del concetto di biblioteca nazionale. La struttura fornisce una piattaforma per condividere le conoscenze sia fisicamente che digitalmente. "È molto importante osservare la regione da un'altra prospettiva, quella dei viaggiatori, perché sono stati loro i pionieri fin dal XV e XVI secolo - dice Ahmed -. Sono arrivati nella regione con scopi diversi. Con i loro diari possiamo leggere il passato di quell'epoca. Come potete vedere, c'è un volume della seconda edizione della descrizione dell'Egitto di Napoleone Bonaparte".

La biblioteca possiede uno dei primi riferimenti alla spedizione francese in Egitto nel XVIII e XIX secolo. "È considerata la prima illustrazione dell'Egitto dell'epoca perché molti scienziati, molti storici e studiosi hanno documentato ogni parte della spedizione - dice Ahmed -. È una delle risorse primarie più importanti per vedere come si svolgeva la vita lì, da diverse prospettive".

La collezione è in fase di digitalizzazione

La Heritage library ospita anche la prima mappa stampata - risalente al XV secolo - che menziona l'odierno Qatar, il cui nome in latino è Catara. Il prossimo passo è la digitalizzazione di questi materiali antichi. Gli specialisti al lavoro nella biblioteca possono convertire da 2.000 a 2.500 pagine al giorno.

"Abbiamo iniziato nel 2015. Finora abbiamo digitalizzato più di 14 milioni di pagine tra libri, manoscritti, periodici, manifesti, mappe, fotografie e molto altro - dice Hany A Elsawy Abdellatifi, responsabile dei servizi di digitalizzazione -. Stiamo cercando di arricchire i contenuti in lingua araba e di metterli online per i ricercatori, gli educatori e anche per i semplici utenti. Così, chiunque, da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, può accedere alla collezione".

Le opere del patrimonio culturale potrebbero sembrare materiale di nicchia, ma i numeri dicono altro. La biblioteca ha dichiarato che nel 2021 più di 2,5 milioni di persone hanno utilizzato le sue risorse online. "Credo che questo dimostri chiaramente che il materiale del patrimonio, quando viene messo online ed è liberamente accessibile a tutti, ha un grande potenziale - dice Marcin Werla, direttore dei contenuti digitali -. Interessa a molte persone. Non solo in Qatar, ma anche nella regione e in tutto il mondo. Abbiamo visitatori online da tutto il mondo".

"Oltre alla digitalizzazione della nostra collezione stiamo lavorando a diverse partnership, ad esempio con la British Library, per digitalizzare i materiali sul Golfo presenti nei loro archivi e renderli accessibili a tutti - dice Tan Huism, Direttore esecutivo della Biblioteca -. È una parte molto importante del nostro ruolo di custodi della regione e del patrimonio documentario del Qatar".

Come si conservano i libri antichi?

La biblioteca ospita più di un milione di libri. I lettori si possono rilassare in un'area di 42.000 metri quadrati. Sebbene abbia tutto ciò che ci si può aspettare da una biblioteca, tra cui una caffetteria, una sezione per bambini e un ristorante, a renderla unica è il dipartimento di conservazione e tutela.

Il Centro regionale di conservazione e tutela (Pac Centre) si trovanel seminterrato. Il suo scopo è di aiutare a proteggere libri e manoscritti della regione araba. "Ci sono milioni di manoscritti arabi e islamici nella regione, ma non ci sono abbastanza mezzi per preservarli e conservarli - dice Stephane Ipert, direttore delle collezioni distintive -. Quindi non possiamo salvare tutto il patrimonio, ma possiamo formare le persone. Abbiamo un servizio di assistenza tecnica attraverso cui forniamo formazione, consulenza tecnica e ospitiamo anche persone che seguono corsi di formazione su tutti i problemi di conservazione e preservazione, che si tratti di manoscritti, giornali, mappe. Possiamo quindi fornire quello che chiamiamo 'capacity building' per aiutare le persone a prendersi cura della loro collezione".

Fareed AlShishani è un tecnico della conservazione specializzato in materiali inorganici. Si concentra sulla prevenzione dei danni, sulla conservazione e sulla gestione dei rischi.  Fareed e altri membri del team si occupano di tutti gli oggetti della Heritage library, oltre che di libri, mappe e manoscritti. "Abbiamo un sistema di monitoraggio della temperatura e dell'umidità che funziona in remoto, collegato tramite Wi-Fi - dice AlShishani -. Basta guardare il computer per controllare la temperatura e l'umidità nelle aree di stoccaggio e delle esposizioni. Se abbiamo oggetti in prestito, possiamo collegarci a qualsiasi Wi-Fi nel mondo e monitorarli a distanza dai nostri computer e dai nostri smartphone".

Nel 2022 la biblioteca ha aperto il primo impianto di deacidificazione di massa della regione. I libri e i giornali prodotti dopo il 1850 presentano maggiori problemi rispetto ai manoscritti più vecchi, poiché è più probabile che i materiali o la pasta di legno utilizzati siano acidi.

"Questo impianto di deacidificazione è un sistema che utilizza un materiale chiamato ossido di magnesio, che è sospeso in una soluzione - dice AlShishani -. La cosa che rende speciale il sistema è che tratta in massa, quindi non trattiamo solo un oggetto o dieci oggetti. Possiamo trattare fino a 50 articoli al giorno. Una volta terminato il trattamento, li mettiamo nell'essiccatore, che prende tutto il liquido che è stato usato e che è rimasto nei materiali: lo prende e lo reimmette nel sistema, in modo da riciclare il materiale in qualche modo. È un procedimento conveniente e rispettoso dell'ambiente".

La lotta al contrabbando

Oltre alla conservazione di testi e materiali antichi, gli esperti del centro si concentrano sulla formazione e sulla lotta al contrabbando, un fenomeno in crescita costante in Medio Oriente a Africa settentrionale, a causa del numero di Paesi dove ci sono conflitti in corso. I libri hanno meno probabilità di essere protetti dalla legge rispetto ad altri manufatti. Ecco perché le sessioni di formazione del Centro sulle leggi che regolano il contrabbando e il saccheggio sono così importanti.

"Abbiamo finanziato il viaggio di alcuni esperti yemeniti - dice Ipert -. Sono venuti qui per partecipare a una formazione e per incontrare esperti della polizia e delle dogane. Gli spieghiamo le procedure, il quadro giuridico. Bisogna capire il quadro giuridico per poter combattere meglio questo traffico. Abbiamo sviluppato un servizio che monitora automaticamente i social network giorno e notte, per cercare di identificare i post che potrebbero essere collegati al contrabbando. Così la mattina i nostri esperti ricevono gli elenchi dei post e verificano se si tratta di una vendita legittima o legata al contrabbando. È un lavoro molto impegnativo, ma è davvero importante mantenere la memoria del mondo islamico".

Le organizzazione criminali ricorrono a tecnologie sempre più sofisticate per il contrabbando. "I manoscritti sono piuttosto piccoli rispetto a un pezzo archeologico - dice Ipert -. Quindi, di fatto, viaggiano ancora più facilmente. Vengono esportati con facilità, illegalmente, e poi venduti sui mercati europei. Abbiamo sviluppato, in collaborazione con l'Interpol, con l'Unione doganale internazionale e con altri esperti, un programma per combattere in modo specifico il traffico di manoscritti islamici. Abbiamo un team che monitora le vendite. Sia le aste che le vendite sui social network, perché c'è un cambiamento importante: questo tipo di traffico è sempre più diffuso sul Dark Web e sui social. È meno facile da controllare per la polizia. Monitoriamo tutte queste attività".

Condividi questo articolo