EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Moldavia. il ruolo della Transnistria e i piani di un'intervento di Mosca

Militari in Transnistria
Militari in Transnistria Diritti d'autore Scott Heppell/Copyright 2018 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Scott Heppell/Copyright 2018 The AP. All rights reserved
Di Oleksandra Vakulina
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente russo Vladimir Putin questa settimana ha revocato un decreto che aveva impegnato la Russia a un accordo in Transnistria che rispettasse l'integrità territoriale della Moldavia

PUBBLICITÀ

Il ministero della Difesa russo ha accusato l'Ucraina di aver pianificato l'invasione della regione separatista della Transnistria dopo un'operazione eseguita sotto falsa bandiera, ha riferito l'agenzia di stampa RIA.

Il ministero ha affermato che l'Ucraina ha pianificato di organizzare un attacco presumibilmente da parte delle forze russe dalla Transnistria come pretesto per l'invasione, sempre secondo l'agenzia RIA. Il presidente russo Vladimir Putin questa settimana ha revocato un decreto che aveva impegnato la Russia a un accordo in Transnistria che rispettasse l'integrità territoriale della Moldavia.

L'Istituto per lo studio sulla guerra afferma che questa mossa non indica che Putin intenda attaccare la Moldavia - un'impresa per la quale non ha capacità militari - sebbene potrebbe essere un segnale di un'escalation degli sforzi russi in corso per minare lo stato moldavo.

Il presidente della Moldavia Maia Sandu ha dichiarato, all'inizio di questo mese, che il paese disponeva di informazioni che suggerivano che Mosca stesse tramando un colpo di stato per "rovesciare" le autorità moldave e seminare il caos nella piccola ex repubblica sovietica.

Quando la Russia ha invaso l'Ucraina esattamente un anno fa, Mosca voleva creare un corridoio terrestre attraverso l'Ucraina meridionale fino alla regione separatista della Transnistria, sostenuta da Mosca.

Un lembo di terra lungo quasi 200 km e largo 30 km tra il fiume Dniester e il confine orientale della Moldavia con l'Ucraina che non è riconosciuto come stato sovrano dalla comunità internazionale e nemmeno dalla Russia. Poco meno di 2.000 soldati russi sono ancora di stanza lì dal 1992.

Negli ultimi giorni il presidente russo ha ripreso ancora una volta la sua narrativa imperialistica secondo cui la Russia sta combattendo per "le frontiere storiche". Il concetto che è già stato usato nell'invasione dell'Ucraina e potrebbe essere usato per giustificare l'aggressione contro quasi tutti i vicini della Russia, così come la Moldavia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Caos nel Parlamento moldavo: i deputati del Bcs contro la nomina del romeno come lingua ufficiale

Russia: mandato di arresto per Yulia Navalnaya, la reazione "Putin è un assassino"

Vertice Nato: per Biden la Russia non prevarrà, Meloni "rispetteremo 2% Pil in difesa"