Caos nel Parlamento moldavo: i deputati del Bcs contro la nomina del romeno come lingua ufficiale

Image
Image Diritti d'autore Vadim Ghirda/AP
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il progetto di legge che prevede la sostituzione della frase "lingua moldava" con "lingua romena" in tutti i testi istituzionali, ha ottenuto una prima approvazione con una maggioranza di 56 voti nonostante l'opposizione del Bcs

PUBBLICITÀ

Momenti di tensione nel Parlamento moldavo. I deputati del Blocco dei comunisti e dei socialisti (Bcs) hanno protestato, con tanto di striscioni, contro l'esame del progetto di legge che prevede la sostituzione della frase "lingua moldava" con "lingua rumena" nella Costituzione e in tutti i i testi legislativi. 

I "contestatori" hanno occupato la tribuna centrale tenendo in mano striscioni con la scritta "Andatevene" e "Non prendete in giro la Costituzione", mentre i deputati del Partito d'azione e solidarietà (Pas) cercavano di strapparglieli dalle mani.  

Nonostante il tentativo di boicottare l'adozione del testo, il progetto ha ottenuto una prima approvazione con una maggioranza di 56 voti

È stato proprio il Pas a depositare in Parlamento il progetto di legge in questione per attuare le disposizioni di una sentenza della Corte Costituzionale

Le proteste in aula dei parlamentari della Bcs

Secondo il documento, che deve essere esaminato dalle Commissioni parlamentari, le parole "lingua di Stato", "lingua ufficiale" e "lingua madre", in qualsiasi forma grammaticale, se si considera la lingua di Stato della Repubblica di Moldova, devono essere sostituite dalle parole "lingua rumena".

La bozza prevede che l'Agenzia per le risorse di informazione giuridica fornisca l'inserimento degli emendamenti alla lingua di Stato - il rumeno - nell'intera legislazione moldava, compresa la Costituzione moldava, nel sistema informativo del Registro statale degli atti giuridici.

"Questo non è un progetto volto a cambiare la Costituzione. È un progetto ordinario che mira ad attuare una decisione della Corte Costituzionale, che ha stabilito che le locuzioni "la lingua di Stato", "la lingua ufficiale" e "la lingua nativa", in qualsiasi forma grammaticale, in riferimento alla lingua di Stato della Repubblica di Moldova, devono essere sostituite da "lingua rumena", nella forma grammaticale corretta", ha detto Veronica Rosca, deputata del PAS e promotrice della legge.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ue deve sostenere di più la Moldova, dicono gli europarlamentari

Moldavia. il ruolo della Transnistria e i piani di un'intervento di Mosca

Moldavia, si insedia il nuovo primo ministro europeista Dorin Recean