Israele, ancora proteste contro la riforma della giustizia: "Netanyahu deciderà il suo processo"

Uno striscione: "SOS - Bibi (il soprannome di Netanyahu) vuole distruggere Israele". (Tel Aviv, 18.2.2023)
Uno striscione: "SOS - Bibi (il soprannome di Netanyahu) vuole distruggere Israele". (Tel Aviv, 18.2.2023) Diritti d'autore Screenshot AP Video
Di Cristiano TassinariEuronews World
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La critica più frequente a questo disegno di legge? Lo stesso premier Benjamin Netanyahu, che è sotto processo per corruzione, frode e abuso di potere, potrebbe usare questa riforma per ribaltare una possibile condanna

PUBBLICITÀ

Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza, sabato 17 febbraio, in molte città di Israele, contro la prevista riforma giudiziaria del governo Netanyahu

Si tratta della settima settimana consecutiva di proteste.

Lunedì, i membri della Knesset - il Parlamento israeliano - voteranno sul disegno di legge, che mira a consentire al Parlamento di annullare le decisioni dei tribunali.

In molti vedono questa legge come un attacco alla democrazia e, ovviamente, all'autonomia della magistratura.

Abbiamo raccolte alcune testimonianze alla manifestazione di Tel Aviv

"Non possiamo arrenderci! Ma il governo non ci ascolta..."

Spiega l'avvocato Nati Ron, in prima linea nelle proteste: 
"Non abbiamo scelta, non possiamo arrenderci! Questo è il nostro Paese, ho combattuto le guerre, ho perso amici nelle guerre... Non sono morti per lasciarci uno Stato dittatore. Lo devo a loro. È il minimo che io possa fare".

Screenshot AP Video
"Non possiamo arrenderci!"Screenshot AP Video

Ribatte Amit Melamed, 24 anni, studentessa di Giurisprudenza: 
"Sento di avere molte speranze, perchè qui oggi ci sono così tante persone... Ma il governo continua a non ascoltare le nostre voci".

Screenshot AP Video
"Il governo non ascolta le nostre voci".Screenshot AP Video

Netanyahu sotto processo

La critica più frequente a questo disegno di legge?
Lo stesso premier Benjamin Netanyahu (73 anni, al sesto mandato di governo), che è sotto processo per corruzione, frode e abuso di potere, potrebbe usare questa riforma per ribaltare una possibile condanna.

I sostenitori della riforma affermano, viceversa, che la Magistratura è troppo politicizzata e che la nuova legge potrà, quindi, "riequilibrare" il sistema giudiziario.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Moda, commissariata la Giorgio Armani Operations: accuse di caporalato a opifici in Lombardia

Usa, Donald Trump paga 175 milioni di dollari di cauzione per evitare la confisca dei suoi beni

La Spagna blocca Telegram: l'app rimane attiva e fa ricorso alla Corte di Giustizia europea