Si apre il processo al giornalista bielorusso Roman Protasevich

Image
Image Diritti d'autore Sergei Grits/Copyright 2017 The AP. All rights reserved
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Rischia 15 anni di carcere con accuse che vanno dal turbamento dell'ordine pubblico a banda armata

PUBBLICITÀ

È iniziato il processo a Roman Protasevich, giornalista bielorusso che ha diffuso immagini di proteste contro i brogli elettorali alle elezioni presidenziali del 2020. Insieme a due imputati in contumacia, Protasevic è accusato, tra gli altri reati, di aver formato e guidato un gruppo estremista, insultato il presidente Lukashenko e cospirato per prendere il potere con mezzi anticostituzionali.

Lui afferma: "Onestamente, sono moralmente e psicologicamente pronto per qualsiasi risultato, quindi niente è nelle mie mani qui."

Un giornalista gli chiede: "È d'accordo con le accuse che Le vengono mosse?”

Protasevich: “Sì, assolutamente”.

I passeggeri del volo Ryanair hanno subito capito che l'allarme-bomba era una bufala. Ecco il video

Protasevic, fondatore del popolare canale Telegram Nexta, si è dichiarato colpevole in un video trasmesso dopo il suo arresto nel maggio 2021. Sebbene sia fuggito dalla repressione del regime contro gli attivisti democratici, è stato arrestato insieme alla sua ragazza su di un volo Ryanair decollato dalla Grecia verso la Lituania e atterrato a Minsk a causa della falsa minaccia di una bomba a bordo. Potrebbe essere condannato a 15 anni di carcere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Minsk: condannato ad otto anni il giornalista dissidente Roman Protasevitch

Elezioni parlamentari e amministrative in Bielorussia: affluenza al 73 per cento

Elezioni legislative in Bielorussia, l'opposizione chiede di boicottare il voto