Lazio: per Rocca meno voti di Zingaretti, ma percentuale boom

Schede in netto calo per centrosinistra-M5s rispetto al 2018
Schede in netto calo per centrosinistra-M5s rispetto al 2018
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 14 FEB - Francesco Rocca ha preso, in termini di voti assoluti, meno voti di Nicola Zingaretti nel 2018, ma in percentuale il suo successo è stato molto più netto: sfiora il 54% contro il 32,9% dell'ex governatore di centrosinistra. Rocca infatti è eletto presidente - quando mancano solo 7 sezioni su oltre 5300 - con oltre 943 mila voti; Zingaretti ne prese 1.018.736. E' l'effetto dell'affluenza, che nel 2018 fu al 66,5% mentre tra il 12 e il 13 febbraio si è attestata al 37,2. In questo caso l'astensionismo sembra avere colpito in modo più netto il centrosinistra e il M5s. In entrambe le consultazioni i candidati governatori hanno preso più delle loro coalizioni: 79mila voti in più per Rocca, 151 mila per Zingaretti. Ieri il candidato di centrosinistra sconfitto Alessio D'Amato ricordava di avere raggiunto una percentuale maggiore del suo predecessore nel 2018: 33,5 contro 32,9. In termini di voti assoluti però il risultato è ben diverso: oltre un milione di voti, appunto, per Zingaretti contro i 581 mila di D'Amato. Parlando in termini di coalizioni, il centrodestra ha preso stavolta oltre 855 mila voti; nel 2018 i partiti 'tradizionali' appoggiavano Stefano Parisi e presero in coalizione 922.664 voti, ma c'era Sergio Pirozzi che da outsider di centrodestra raggranellò da solo quasi 100 mila voti. Il centrosinistra nel 2018 prese 867.393 voti; stavolta le liste ne hanno presi attorno ai 520 mila. Drammatico invece il crollo del M5s in termini di voti assoluti: circa 132 mila questa volta contro i 559.752 del 2018. Se si guarda ai singoli partiti, il Pd nel 2018 prese oltre 539 mila voti; stavolta ne ha presi 313 mila, ma bisogna considerare che allora non c'era il Terzo Polo. Anche però provando a sommare gli oltre 75 mila voti di Azione-Italia Viva a quelli del Pd si arriva a 388 mila voti: sono 151 mila voti in meno. Percentualmente, però, il Pd ha tenuto: 21,25% alle elezioni 2018 contro il 20,25% delle ultime (ma c'è il Terzo Polo al 4,87). Tutta un'altra storia quella di Fratelli d'Italia, passato da 220.460 voti nel 2018 a 519.633 del 12 e 13 febbraio, ma soprattutto dall'8,69% al 33,62% delle ultime elezioni, che ne fanno nettamente il primo partito. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Polonia, arrestata sospetta spia russa: raccoglieva informazioni per attacco a Zelensky

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue