Omicidio-suicidio a Genova, autopsia conferma due spari

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Autopsia nel pomeriggio, ora esami tossicologici
Autopsia nel pomeriggio, ora esami tossicologici

(ANSA) – GENOVA, 07 GEN – Sono morti per i colpi di pistola,
uno ciascuno, Andrea Incorvaia, guardia giurata di 32 anni e la
fidanzata Giulia Donato, 23. E’ quanto emerge dall’autopsia
eseguita nel pomeriggio dal medico legale Martina Drommi. Il
medico eseguirà gli esami tossicologi sui corpi per capire se i
due avessero assunto farmaci. L’omicidio-suicidio di via Anfossi
è avvenuto mercoledì mattina, alcune ore prima che la sorella di
Incorvaia trovasse i corpi. La donna aveva provato più volte a
contattare sia il fratello che la fidanzata ma non ottenendo
risposta e sapendo delle liti tra i due si è preoccupata.
Giulia, che aveva l’influenza, era letto, sotto le coperte
quando è stata colpita. Andrea ha poi rivolto l’arma contro se
stesso ed stato trovato sul pavimento a poca distanza. La
tragedia sarebbe avvenuta dopo le 13 perché a quell’ora la
guardia giurata ha risposto alla telefonata di un amico . Gli investigatori della squadra mobile, guidati dal primo
dirigente Stefano Signoretti e dal vice Ivan Currà, nei prossimi
giorni analizzeranno i telefoni dei due ragazzi. Da una prima
analisi non sono emerse minacce ma solo messaggi di un uomo che
non voleva essere lasciato, morboso e possessivo. Giulia e
Andrea avevano iniziato la loro storia a maggio e dopo alcuni
mesi erano iniziati i litigi. Le amiche della ragazza hanno
spiegato che l’uomo era geloso e l’aveva isolata dalle amiche
perché voleva controllarla. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.