Sequestrato quadro Rubens a Palazzo Ducale Genova

Quattro indagati per esportazione illecita di opera d'arte
Quattro indagati per esportazione illecita di opera d'arte
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 30 DIC - I carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale hanno sequestrato il quadro 'Cristo risorto appare alla madre' del pittore fiammingo Rubens esposto in queste settimane a Palazzo Ducale a Genova. Quattro persone sono indagate per esportazione illecita di opere d'arte. Il dipinto, secondo quanto ricostruito dalla procura, sarebbe stato fatto uscire dall'Italia come appartenente genericamente alla scuola Fiamminga e poi autenticato come Rubens a Praga. Il passaggio sarebbe avvenuto quando già si sapeva che sarebbe stato autenticato. Dalle indagini, coordinate dal pm Eugenia Menichetti e dall'aggiunto Paolo D'Ovidio, è emerso che il quadro apparteneva a una famiglia genovese che lo avrebbe venduto a 300 mila euro a un mercante. L' acquirente lo avrebbe poi rivenduto a un altro privato per oltre 3 milioni di euro. L'opera è poi tornata in Italia ed esposta per la prima volta al Ducale. Il quadro raffigura il Cristo risorto in piedi davanti a due donne inginocchiate. Entrambe le figure femminili rappresentano la Madre di Gesù. Una recente radiografia ha rilevato sotto la superficie pittorica la presenza di una seconda immagine femminile, simile dal punto di vista compositivo, ma iconograficamente diversa. La mostra è stata di recente prorogata fino al 5 febbraio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Commissione Ue, il possibile ritorno di Mario Draghi in Europa piace in Italia

Usa, Donald Trump a cena con Andrzej Duda a New York: il tycoon sonda il terreno per la Casa Bianca

Germania, il leader in Turingia dell'Afd a processo per uno slogan nazista