Irlanda, una tappa storica per il Paese. Il 1° gennaio 1973 l'adesione all'allora CEE

Firma di adesione dell'Irlanda alla CEE, 1973
Firma di adesione dell'Irlanda alla CEE, 1973 Diritti d'autore AP/AP
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Paese, un tempo fortemente dipendente dall'agricoltura, è entrato a far parte della CEE il 1° gennaio 1973 ed è oggi considerato da molti osservatori uno Stato modello dell'Ue

PUBBLICITÀ

L'Irlanda festeggia i 50 anni di adesione all'Unione europea. Era il 1° gennaio del 1973 quando l'allora primo ministro irlandese Jack Lynch firmò l'adesione dell'Irlanda alla Comunità economica europea, insieme a Regno Unito e Danimarca. Nonostante un inizio non semplice, il Paese con un’economia molto debole divenne uno dei più ricchi del mondo.

John Bruton, ex primo ministro irlandese e ambasciatore dell'Ue negli Stati Uniti ci fa notare che “L'adesione all’Unione europea ha fatto uscire l'Irlanda dall'ombra della vicina Gran Bretagna e ci ha permesso non solo di essere indipendenti politicamente ma anche economicamente. I regolamenti di Bruxelles hanno contribuito a modernizzare la nostra economia. I fondi europei sono stati vitali per il potenziamento delle infrastrutture dell'Irlanda, dei trasporti e anche di altre aree".

Dal 1973, il valore delle merci irlandesi è balzato da 3,5 miliardi di sterline a 120 miliardi di euro. La popolazione è passata da 2,9 a poco più di 5 milioni. Nel frattempo, l'istruzione con titolo universitari si è attestata attualmente al 63% rispetto alla media OCSE del 59%. Nel 2013, l'Irlanda è passata dall'essere un destinatario di fondi dell'Unione europea a contribuente netto.

Tuttavia, la partecipazione nel settore agroalimentare è diminuita negli ultimi 50 anni e gli operatori del settore della pesca non sono per nulla contenti di questa adesione. Thomas Pringle, un deputato del parlamento irlandese è molto scettico:

“Credo che abbiamo dato all'Europa molto di più rispetto a quello che abbiamo ricevuto. Io sono Killybegs, che è il più grande porto di pesca in Irlanda e ciò che abbiamo ceduto in termini di diritti di pesca e risorse all’Unione europea è nettamente inferiore rispetto a quello che abbiamo ricevuto da Bruxelles in pagamenti agricoli o in fondi strutturali o altro. Penso che questo abbia distrutto il Paese”.

Tra pro e contro, l'Irlanda è ora considerata uno Stato modello. Il successo irlandese è un promemoria per tutti gli stati paesi che sperano di aderire all'Unione europea, e se la loro domanda avrà esito positivo e spenderanno saggiamente i fondi europei, anche loro potranno godere di una prosperità simile nel corso dei anni e nei decenni a venire.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Celebrazioni per il centenario della guerra civile irlandese

Irlanda, pesca in forte crisi per colpa della Brexit

Moldova, timori per le influenze della Russia su presidenziali e referendum Ue